Soledad Maurizio de Giovanni

Di Soledad, l’ultimo romanzo di Maurizio de Giovanni, si può parlare per il quadro storico che tratteggia con l’ambientazione nel fine anno del 1939, vigilia di guerra. Ma si può parlarne anche come di dettagliato e articolato quadro sociale della Napoli di quel tempo. E non meno giustificata è una lettura in chiave politica, con fascisti e antifascisti a muoversi sulla scena. Tutto ciò è vero, ma non racconta l’anima della storia che si dipana nelle 279 pagine del romanzo, cioè la solitudine, Soledad per dirla all’argentina, evocando come fa De Giovanni l’omonimo tango di Carlos Gardel. Una musica arricchita da un testo lancinante ispirato alla perdita dell’amata.

Una giovane e affascinante donna uccisa in casa, un uomo più maturo troppo facile da sospettare per essere il vero colpevole, un dedalo di panorami umani e sociali in cui pare impossibile trovare il bandolo della matassa. Che pure c’è, e anche non poco in evidenza, ma che De Giovanni sa celare come una figura minore in un grande affresco.

Il lettore amante del giallo inteso come intreccio da svelare può forse trovare disorientanti le non poche pagine in cui la vicenda poliziesca non progredisce lasciando spazio a ritratti tratteggianti i personaggi e i diversi ambienti collegati alla storia come i satelliti al proprio pianeta. Un’osservazione analoga potrebbe essere fatta per la componente parapsicologica ricorrente, con il protagonista commissario Ricciardi che “sente” parlare le vittime assassinate, così come la moglie morta. Ma il successo editoriale e televisivo di De Giovanni è tale da rendere impossibile che tale elemento non sia noto. Dunque, è improbabile che il lettore sia colto di sorpresa da ciò.

I diversi capitoli-affresco di figure e situazioni si intercalano con quelli che sviluppano la storia, pressoché sempre attraverso dialoghi. Uno stile in cui De Giovanni sciorina cadenze e ritmi diversi, per esempio con divagazioni deamicisiane per parlare della figlia del commissario, o righe da letteratura rosa per ricordare la moglie. Il bello è che tutto quadra, che gli ingredienti diversi vanno a formare una narrazione che coinvolge e si fa gustare.

Oltre alla storia e al quadro storico, De Giovanni sa usare anche mezzi diversi per dare soddisfazione al lettore. Per esempio, con i numerosi modi di dire e proverbi campani del Cilento messi in bocca alla tuttofare-governante della figlia del commissario, una piccola galleria di saggezza popolare contadina. Sono fondamentali nel delineare il personaggio e incuriosiscono, non di rado strappando anche il sorriso. Dell’autore si fa notare poi l’attenzione per la musica. Oltre al citato tango argentino Soledad, il cui testo squisitamente “tanguero” viene filologicamente analizzato da De Giovanni, con tanto di omaggio all’autore Alfredo Le Pera, la “colonna sonora” del romanzo ricorre anche a Bessie Smith e alla bogartiana As Time goes by. Ciò, manco a dirlo, assieme a vari riferimenti a classici napoletani. Nel panorama “giallista” italiano quasi dominato dalla luce delle città del sud, Soledad può colpire per l’atmosfera in cui prevalgono il freddo e la pioggia (già la copertina dichiara il tempo della vicenda: dicembre). De Giovanni è abile nel trasmettere al lettore la situazione. I protagonisti si muovono con disagio inzuppandosi abiti e scarpe, mentre sono sofferenti le figure più deboli che contornano le varie scene, come i bambini. Perché la fotografia della Napoli del dicembre 1939 che De Giovanni fornisce con il romanzo non lascia spazi ai trionfalismi ufficiali dell’epoca, anzi li contesta dichiaratamente. La miseria viene raccontata, quasi come un controcanto al clima intimidatorio, prepotente e violento dei fascisti che si muovono sullo sfondo e nella stessa vicenda del romanzo. Così come le pagine di Soledad non fanno sconti alla spirale antiebraica che nella atmosfera prebellica si faceva sempre più evidente e soffocante.

Recensione di Franco Fiorucci.

Compra su Amazon

Sconto di 0,93 EUR
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
2.809 Recensioni
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
  • Editore: Einaudi
  • Autore: Maurizio De Giovanni

Articolo protocollato da Redazione

All'account redazione sono assegnati gli articoli scritti da collaboratori occasionali del sito: poche apparizioni, ma stessa qualità degli altri.

Redazione ha scritto 579 articoli:

Libri della serie "Commissario Ricciardi"

Soledad – Maurizio de Giovanni

Soledad – Maurizio de Giovanni

Di Soledad, l’ultimo romanzo di Maurizio de Giovanni, si può parlare per il quadro storico che tratteggia con l’ambientazione nel fine anno del 1939, vigilia di guerra. Ma si può parlarne anche come di dettagliato […]

Caminito – Maurizio De Giovanni

Caminito – Maurizio De Giovanni

Ecco una buona notizia per i nostri avventori del Thriller Cafè: torna il commissario Ricciardi. Nelle scorse settimane è infatti uscito per Einaudi “Caminito” di Maurizio de Giovanni, ultima fatica letteraria del celeberrimo scrittore napoletano. […]

Il posto di ognuno – Maurizio de Giovanni

Il posto di ognuno – Maurizio de Giovanni

Un tuono rombò forte, e s’alzò il vento. Ricciardi rabbrividì. La fame, rifletté. E la famiglia Capece […]. E il duca che moriva nel suo letto. E Achille e Ettore e il loro amore senza […]

Il purgatorio dell’angelo – Maurizio de Giovanni

Il purgatorio dell’angelo – Maurizio de Giovanni

Il purgatorio dell’angelo – Confessioni per il Commissario Ricciardi è il libro di Maurizio de Giovanni che recuperiamo oggi al Thriller Cafè. Purtroppo siamo quasi alla fine – questo è il penultimo romanzo della serie ambientata […]

La condanna del sangue – Maurizio de Giovanni

La condanna del sangue – Maurizio de Giovanni

La primavera arrivò a Napoli il 14 aprile 1931, poco dopo le due del mattino. Arrivò in ritardo e, come al solito, con un colpo di vento nuovo dal Sud, dopo un’acquazzone. […] La primavera […]

Il  pianto dell’alba – Maurizio de Giovanni

Il pianto dell’alba – Maurizio de Giovanni

Può un uomo che ha sempre dovuto patire, godersi in pace il pezzetto di felicità che alla fine gli è toccato in sorte? No, ovviamente, perché il destino deve metterci del suo e sparigliare le […]

Il senso del dolore – Maurizio de Giovanni

Il senso del dolore – Maurizio de Giovanni

Il bambino morto stava all’impiedi […]. Guardava i due ragazzi che, seduti a terra, facevano il giro d’Italia con le biglie. Li guardava e ripeteva: Scendo? Posso scendere? L’uomo senza cappello sapeva della presenza del bambino […]

L’ultimo passo di tango – Maurizio De Giovanni

L’ultimo passo di tango – Maurizio De Giovanni

Riprendiamo, per tutti i fan di Maurizio De Giovanni, la recente pubblicazione di L’ultimo passo di tango nella collana Vintage di Rizzoli. L’ultimo passo di tango fa tornare in pista il commissario Ricciardi, e dire del noto protagonista creato […]

Rondini d’inverno – Maurizio De Giovanni

Rondini d’inverno – Maurizio De Giovanni

Piacevoli tappe forzate per Maurizio De Giovanni che ha appena pubblicato Rondini d’inverno, una nuova indagine della serie dedicata alle indagini del commissario Ricciardi. Apparso in libreria con il sottotitolo “Sipario per il commissario Ricciardi”, […]

Serenata senza nome – Maurizio De Giovanni

Serenata senza nome – Maurizio De Giovanni

Con Serenata senza nome, che ha per sottotitolo Notturno per il commissario Ricciardi ed è pubblicato come di consueto da Einaudi nella collana Stile Libero Big, Maurizio De Giovanni aggiunge un nuovo tassello alle indagini […]

Una domenica con il commissario Ricciardi – Maurizio De Giovanni

Una domenica con il commissario Ricciardi – Maurizio De Giovanni

Skira ha pubblicato, all’interno della collana StorieSkira, Una domenica con il commissario Ricciardi di Maurizio De Giovanni, volume che corona un 2015 che per il bravo autore napoletano è stato anno memorabile, con un’ottima progressione […]

Anime di vetro – Maurizio De Giovanni

Anime di vetro – Maurizio De Giovanni

Einaudi pubblica, nella collana Stile Libero Big, Anime di vetro, nono romanzo della serie del commissario Ricciardi, a testimonianza dell’incredibile prolificità e bravura di un Maurizio De Giovanni sempre più scatenato e in grado di […]

In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi – Maurizio De Giovanni

In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi – Maurizio De Giovanni

Attesissimo dai fan di Maurizio De Giovanni esce finalmente In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi, il nuovo romanzo con protagonista il commissario della Squadra Mobile della Questura della Regia Polizia di […]

Vipera – Maurizio De Giovanni

Vipera – Maurizio De Giovanni

In occasione della nomina a finalista della sestina nella 61 edizione del Premio Bancarella 2013, si ritorna a parlare di uno dei commissari più amati dalla letteratura italiana, ovvero Luigi Alfredo Ricciardi protagonista del romanzo […]

Per mano mia – Maurizio De Giovanni

Per mano mia – Maurizio De Giovanni

La segnalazione di oggi al Thriller Café è per un romanzo molto atteso: Per mano mia, nuova opera di Maurizio De Giovanni. Dopo essersi tolto diverse soddisfazioni, tra cui la vittoria ai premi Camaiore, Nebbia […]