Troppe volte quando affronto un romanzo da recensire mi torna in mente la celeberrima battuta di Massimo Troisi: “Io sono uno a leggere, loro sono milioni a scrivere.”

Ebbene, dichiaro in tutta onestà che, non avendo mai letto un romanzo di James Patterson della serie di Michael Bennett, ho avuto molta difficoltà a districarmi nella psicologia del personaggio principale di Omicidio a Manhattan (Longanesi).

D’altronde, la battuta cinematografica è tutto fuor che una boutade se la riferiamo proprio a Patterson che, avvalendosi di una miriade di collaborazioni con altri scrittori (tra cui Maxine Paetro, Andrew Gross, Mark Sullivan, Ashwin Sanghi, Michael Ledwidge e Peter De Jonge), ha dato vita a una bibliografia ramificata come il delta del Mississipi!

Anche questa volta, peraltro, il romanzo è scritto a quattro mani con James O. Born.

Eccomi pronta, però, a tirare le fila dei piccoli indizi sparsi tra le interlinee, che dovrebbero servirmi a ricostruire la storia del detective Michael Bennett di New York alle prese con un camaleontico thriller, ingaggiato dal cartello messicano per ucciderlo.

Fare il padre è più difficile che fare il poliziotto.

Non è la prima volta che la sua professione di detective danneggia uno dei suoi figli. Il più grande dei dieci ragazzi da lui adottati, Brian, è detenuto per spaccio con una condanna esemplare, a detta del procuratore che commentò la sentenza. E proprio Brian verrà accoltellato in carcere per mandare un segnale al padre, impegnato con il partner Antrole Martens in indagini relative a una recrudescenza di violenza tra il cartello messicano e la mafia canadese.

Ma è proprio quando i due detective seguiranno una segnalazione anonima che li porterà in un condominio fatiscente su 161st Street per eseguire l’arresto di un sospetto coinvolto in un omicidio legato allo spaccio di eroina, che segnerà l’incontro del lettore con il killer. L’imboscata in cui perderà la vita Martens e Bennett rimarrà ferito era stata pianificata con cura ma eseguita malamente da un gruppo di dominicani, assoldati per l’occasione. Bennett non riuscirà a conoscere l’identità del killer fino all’epilogo finale, ma il lettore sì, perché l’alternarsi delle scene (ops, lapsus freudiano, dei capitoli brevi) permette a chi legge di essere un passo avanti al detective.

La madre del ragazzo che hai ammazzato in biblioteca – disse alla fine – Diego Qualcosa. Ѐ lei che ha fatto pressione sul cartello. Ho sentito dire che hanno addirittura assoldato un sicario di Bogotà. Aveva il compito di occuparsi di alcuni canadesi e anche di te. Da quello che mi hanno detto, è in gamba. Potresti non vivere abbastanza per riferire questa conversazione.

Mimetica, fredda, preparata fisicamente Alex è un killer di professione ma che detesta uccidere per un motivo che non siano i soldi. Le vittime collaterali non sono ammesse nella propria puntigliosa pianificazione degli omicidi e troppo spesso, secondo me, si fa prendere da scrupoli di coscienza in proposito.  

Alex non riuscì a vedere bene cosa fosse successo, ma sapeva di aver ucciso una donna innocente. Merda.

Ho sottolineato con l’evidenziazione altri tre o quattro esempi di questo tipo, come quando le ripugna di tenere sotto tiro la figlia di Bennett, oppure deve decidere velocemente se uccidere un uomo con il quale aveva avuto la storia di una notte perché l’avrebbe potuta riconoscere e lo grazia solo perché si intenerisce, sentendolo parlare della figlia piccolina.

Tutto ciò cozza con la preparazione tecnica che Patterson, o forse il suo consulente delle forze dell’ordine James O. Born, coautore del romanzo, hanno donato al personaggio.

Era imbarazzante che lui e i suoi soci credessero di essere in grado di ucciderla.

Questo scrivono di lei e della sua confidenza con il proprio lavoro. Il ché non mi sembra molto in linea. Insomma, tra tutti i personaggi, proprio Alex la killer non mi ha convinta affatto.

A proposito di James O. Born, volevo sottolineare quanto il suo apporto sia stato fondamentale per i thriller della serie di Michael Bennett. O. Born, infatti, è un ex appartenente alle forze dell’ordine, divenuto scrittore professionista dopo aver iniziato una collaborazione come esperto di procedure di polizia all’inizio degli anni ’80 con Elmore Leonard, che lo incoraggiò a scrivere. Solo nel 2015 fu contattato da James Patterson con il quale ha iniziato una stretta e proficua collaborazione proprio a partire dal personaggio di Bennett.

Insomma, una coppia collaudata che da vita da anni a polizieschi godibili, dal forte impatto cinematografico.

Riuscirà Bennett a sostituire nell’immaginario di Hollywood il tanto fortunato Alex Cross?

Who is who?

La bibliografia di James Patterson è sterminata, ma l’aveva ricomposta per noi nel gennaio 2016 il compianto Elvetio Sciallis nel post “James Patterson – la Biografia”, al quale vi rimando per intero.

Compra su Amazon

Sconto di 0,93 EUR
Omicidio a Manhattan
237 Recensioni
Omicidio a Manhattan
  • Patterson, James (Autore)

Articolo protocollato da Monica Bartolini

Monica Bartolini (Roma 1964) si afferma nel mondo della scrittura gialla con i romanzi della serie del Maresciallo Nunzio Piscopo (Interno 8 e Le geometrie dell'animo omicida, quest'ultimo finalista al Premio Tedeschi nel 2011). Nel 2010 vince il Gran Giallo Città di Cattolica per il miglior racconto italiano in ambito mystery con il racconto Cumino assassino, compreso nell'antologia 10 Piccole indagini (Delos Digital, 2020). Autrice eclettica, per I Buoni Cugini Editori pubblica nel 2016 Persistenti tracce di antichi dolori, una raffinata raccolta di racconti gialli storici che ha per filo conduttore le vicende legate al ritrovamento di alcuni reperti storici, che ancora oggi fanno bella mostra di sé nelle teche dei musei di tutto il mondo, e nel 2019 la terza investigazione del suo Maresciallo dal titolo Per interposta persona. Collabora con i siti www.thrillercafe.it e www.wlibri.com per le recensioni ed è membro dell'Associazione Piccoli Maestri - Una scuola di lettura per ragazzi e ragazze che si occupa di leggere i classici nelle scuole italiane. Bibliografia completa in www.monicabartolini.it Contatti: [email protected]

Monica Bartolini ha scritto 86 articoli:

Libri della serie "Michael Bennett"

Omicidio a Manhattan – James Patterson

Omicidio a Manhattan – James Patterson

Troppe volte quando affronto un romanzo da recensire mi torna in mente la celeberrima battuta di Massimo Troisi: “Io sono uno a leggere, loro sono milioni a scrivere.” Ebbene, dichiaro in tutta onestà che, non […]

La foresta del male – James Patterson

La foresta del male – James Patterson

James Patterson (Newburgh, 22 marzo 1947) è uno scrittore statunitense. Considerato uno dei più importanti autori di thriller del nostro tempo, è noto in particolar modo per le serie di Alex Cross, Le donne del […]

Chi soffia sul fuoco – James Patterson e Michael Ledwidge

Chi soffia sul fuoco – James Patterson e Michael Ledwidge

Longanesi pubblica Chi soffia sul fuoco di James Patterson e Michael Ledwidge all’interno della collana La Gaja Scienza. Il volume è apparso in lingua originale nel 2014 con il titolo di Burn e fa parte […]

L’evaso – James Patterson e Michael Ledwidge

L’evaso – James Patterson e Michael Ledwidge

Longanesi porta in libreria L’evaso, romanzo scritto a quattro mani da James Patterson e Michael Ledwidge, uscito in originale nel 2013 con il titolo di Gone, che arriva a noi con la traduzione di Annamaria […]

Il prigioniero – James Patterson e Michael Ledwidge

Il prigioniero – James Patterson e Michael Ledwidge

Longanesi porta nelle librerie italiane Il prigioniero, quinto romanzo della serie dedicata a Michael Bennet, personaggio creato dal sempre prolifico James Patterson con la collaborazione di Michael Ledwidge. La serie negli USA è già arrivata […]

Conto alla rovescia – James Patterson e Michael Ledwige

Conto alla rovescia – James Patterson e Michael Ledwige

Conto alla rovescia è il titolo con cui esce in Italia la quarta avventura di Michael Bennett, il negoziatore nato dalla penna di James Patterson e Michael Ledwige; a pubblicarlo in Italia è sempre Longanesi […]

Il rapitore – James Patterson e Michael Ledwidge

Il rapitore – James Patterson e Michael Ledwidge

Torna protagonista nelle librerie italiane Michael Bennett: è da poco uscito infatti Il rapitore, a firma di James Patterson e Michael Ledwidge. Dopo Il negoziatore e Il maestro, ecco quindi il terzo volume della serie […]

Il maestro – James Patterson e Michael Ledwidge

Il maestro – James Patterson e Michael Ledwidge

Secondo episodio della serie di Micheal Bennett, è uscito il 10 maggio in Italia Il maestro, firmato a quattro mani da James Patterson e Micheal Ledwidge.Dopo l’esordio ne Il negoziatore, quindi, Bennett torna in scena […]

Il negoziatore – James Patterson e Micheal Ledwidge

Il negoziatore – James Patterson e Micheal Ledwidge

Ormai i romanzi di James Patterson che escono in Italia ogni anno non si contano neanche più. Solo nel 2011, senza contare Maximum Ride e Daniel X, ne abbiamo segnalati 3: un nuovo capitolo (13°, […]