Nulla si distrugge - Marco Vichi

Saranno in molti, tra voi, cari avventori del Thriller Cafè, a salutare con entusiasmo una nuova avventura del commissario Franco Bordelli, che Marco Vichi ci regala con il suo ultimo romanzo: “Nulla si distrugge”, edito da Guanda nella collana Guanda Noir.

Siamo nel 1970, il commissario Bordelli è appena andato in pensione, ma non riesce a staccarsi dal suo lavoro in Questura. Così aiuta il fido Piras a sbrogliare qualche caso quotidiano. Ma è un caso del passato che continua a tormentarlo, l’uccisione di un rampollo di una famiglia industriale avvenuta nel 1947, mai risolto. Oggi lo chiameremmo un cold case. In più, a rituffare il commissario Bordelli nel passato, contribuisce anche il ritrovamento di uno scheletro in un bosco delle colline toscane. Saranno queste due storie che ritornano con prepotenza dal passato a tenerlo impegnato, in un insieme di ricordi, vita degli anni Settanta e riflessioni sulla storia del nostro Paese durante le due guerre mondiali.

Vichi scrive un libro sulla memoria, sulle tracce profonde che il passato lascia sulla nostra vita quotidiana. Un libro che si compone di racconti a più voci, che ci illustra narrazioni e confronti serrati, che scaturiscono da quanto i personaggi raccontano ad amici o a gruppi di amici. Una vicenda corale costituita da numerosi contrappunti che finiscono per disegnare la Storia del nostro Paese nel secondo dopoguerra. In questa matrioska narrativa, ci sono nette distinzioni (anche nel carattere del testo) tra i filoni principali che hanno per protagonista il commissario Franco Bordelli e le storie narrate che hanno per protagonisti tante persone comuni, che si compongono in una sorta di puzzle a disegnare un affresco dell’Italia contemporanea.

Sono storie di guerra, dell’orrore eterno della guerra vista con gli occhi dei soldati e non dei generali. Con gli occhi delle famiglie che in guerra hanno perso i propri cari. Storie che parlano di come un Paese in ginocchio, stremato da due Guerre Mondiali, reduce da una guerra civile, abbia avuto la forza di rialzarsi, di continuare a credere a immaginare con coraggio e un pizzico di incoscienza il proprio futuro. All’interno di questa trama principale ce n’è un’altra: quella che ci parla della vita delle donne. Donne che lavorano duro per aiutare la famiglia a sostentarsi, donne che in guerra si portano sulle spalle tutto il peso della quotidianità, con i mariti e i compagni al fronte, donne che fanno fatica a far emergere i propri sentimenti e li devono tenere nascosti, donne che subiscono violenza e che non posso reagire. Vichi scegli emblematicamente una scrittrice realmente esistita, Alba de Cespedes, partigiana, femminista ante litteram, da troppi relegata nella narrativa rosa, a rappresentarle tutte nella loro lotta continua per l’emancipazione.

In fondo è proprio questo uno dei messaggi forti che ci vuole lanciare Vichi: se leggiamo la Storia diversamente da come l’abbiamo letta finora, ci sono donne di cui dobbiamo assolutamente parlare. Donne grazie al cui sacrificio ci è stato possibile superare i momenti più bui della nostra esistenza ed essere quelli che siamo oggi. E proprio da questo messaggio arriva allora una riflessione: chi come Vichi (per esempio l’amico scrittore Leonardo Gori citato ripetutamente in questo romanzo) ama raccontare il passato, non lo fa per idolatrarlo in luce nostalgica, ma per farci capire che proprio dal passato dobbiamo trarre gli insegnamenti più utili per il presente.

Tra questi, tra le righe ma non troppo, ne emergono alcuni degni di nota. Non crediate, cari lettori, che quello che si è vissuto nel passato possa permetterci di essere immuni dalle grandi catastrofi umane. Di guerre l’umanità ne ha combattute molte, ma come vediamo proprio ai nostri giorni, questo non è servito a evitarne di nuove. E chi crede che i regimi oppressivi e liberticidi ci abbiano “vaccinato” dalle restrizioni delle libertà e dalle dittature, sarà bene che mantenga alta la soglia di vigilanza, perché gli uomini imparano dalla storia meno di quello che dovrebbero.

Compra su Amazon

Sconto di 1,00 EUR
Nulla si distrugge. Un'avventura del commissario Bordelli
1.014 Recensioni

Articolo protocollato da Giuliano Muzio

Sono un fisico nato nel 1968 che lavora in un centro di ricerca. Fin da piccolo lettore compulsivo di tante cose, con una passione particolare per il giallo, il noir e il poliziesco, che vedo anche al cinema e in tv in serie e film. Quando non lavoro e non leggo mi piace giocare a scacchi e fare attività sportiva. Quando l'età me lo permetteva giocavo a pallanuoto, ora nuoto e cammino in montagna. Vizio più difficile da estirpare: la buona cucina e il buon vino. Sogno nel cassetto un po' egoista: trasmettere ai figli le mie passioni.

Giuliano Muzio ha scritto 125 articoli:

Libri della serie "Commissario Bordelli"

Nulla si distrugge – Marco Vichi

Nulla si distrugge – Marco Vichi

Saranno in molti, tra voi, cari avventori del Thriller Cafè, a salutare con entusiasmo una nuova avventura del commissario Franco Bordelli, che Marco Vichi ci regala con il suo ultimo romanzo: “Nulla si distrugge”, edito […]

Non tutto è perduto – Marco Vichi

Non tutto è perduto – Marco Vichi

Sempre qui, cari amici del Thriller Cafè, a proporvi quest’oggi l’ultimo romanzo di Marco Vichi dal titolo “Non tutto è perduto”. Dopo “Ragazze smarrite” avevamo lasciato l’ormai noto e amato commissario Bordelli raggiungere la fatidica […]

La casa di tolleranza – Marco Vichi

La casa di tolleranza – Marco Vichi

Il libro che oggi propongo agli avventori del Thriller Cafè riguarda gli anni successivi alla seconda guerra mondiale. Erano anni di dolori e sacrifici, ma anche pieni di speranza per un Paese da ricostruire. Anni […]

Ragazze smarrite – Marco Vichi

Ragazze smarrite – Marco Vichi

Finalmente rivediamo sugli scaffali delle nostre amate Librerie e sul bancone del Thriller Café, il nuovo atteso romanzo di Marco Vichi con protagonista il Commissario Franco Bordelli. Poche settimane sono passate dal precedente mistero (Un […]

Un caso maledetto – Marco Vichi

Un caso maledetto – Marco Vichi

È un onore recensire per gli amici del Thriller Café la nuovissima avventura del Commissario Bordelli, magistralmente creata dal suo autore, Marco Vichi, dal titolo “Un caso maledetto”, edito da Guanda e pubblicato pochissimi giorni […]

Nel più bel sogno – Marco Vichi

Nel più bel sogno – Marco Vichi

Torna sugli scaffali delle librerie italiane il commissario Bordelli nel suo caso più recente, Nel più bel sogno, scritto da Marco Vichi e pubblicato come sempre da Guanda. Creato da Vichi nel 2002 (racconti esclusi) […]

Fantasmi del passato – Marco Vichi

Fantasmi del passato – Marco Vichi

Fantasmi del passato, edito da Guanda, è un vero e proprio ritorno, atteso da tantissimi lettori che in questi anni hanno imparato ad amare il principale personaggio di Marco Vichi, ossia il commissario Bordelli. Comparso […]

La forza del destino – Marco Vichi

La forza del destino – Marco Vichi

Torna protagonista al Thriller Café Marco Vichi, ammazzasette del 2010 con Morte a Firenze, seguito poi da Il commissario Bordelli, che calca le scene anche in questo nuovo La forza del destino. È la primavera […]

Il commissario Bordelli – Marco Vichi

Il commissario Bordelli – Marco Vichi

Ogni tanto su Thriller Café ci piace fare qualche passo indietro nel tempo, perché accanto alle novità che ogni giorno catturano la nostra attenzione, è bene non dimenticarsi di quei romanzi anche un po’ datati […]

Morto due volte – Marco Vichi

Morto due volte – Marco Vichi

Di Marco Vichi abbiamo parlato parecchio ultimamente al Thriller Café: prima con un’intervista, poi perché s’è aggiudicato un bel po’ di premi (dal Camaiore, all’Azzeccagarbugli, oltre allo Scerbanenco). Oggi vi segnaliamo un’interessante volume uscito da […]