preston-childVediamo… se scrivo “Rolls-Royce Silver Wraith del ’59” vi suona qualche campanello letterario in testa?
Se aggiungo “Les Baer calibro 45 modello M1911”?
E se completo dicendovi che stiamo parlando di un agente dell’FBI molto, molto diverso dalla media, che ha un assistente personale altrettanto misterioso e un fratello che è brillante e intelligente quanto lui ma irrimediabilmente votato al crimine?
Esatto, sto pensando ad Aloysius (Xingú Leng) Pendergast e alla fortunata serie di volumi che ospitano le sue avventure.
E quindi sto pensando a Douglas Preston e Lincoln Child: cerchiamo quindi di scoprire qualcosa di più su questi due autori…

Douglas Preston

C’è un evento molto importante nella vita di Douglas Preston e, giustamente, ha a che fare con i musei.
Nato nel 1956 a Cambridge, Massachusetts, dopo una laurea in lettere questo giovane autore comincia a lavorare presso l’American Museum of Natural History in New York, scrivendo, editando e occupandosi in generale delle pubblicazioni del museo.
Otto anni a contatto con minacciosi T-Rex e pacifici brontosauri producono due risultati differenti ma collegati: scriverà infatti un testo non-fiction, Dinosaurs in the Attic (pubblicato in Italia da Alacrán nel 2008 con il titolo di Dinosauri in soffitta), e l’editing di questo testo verrà compiuto da un certo Lincoln Child, un talento matematico che ha però trovato occupazione presso la St. Martin Press, sempre a New York.
E Douglas offre un tour guidato del museo a Lincoln, nottetempo: i due si fermano all’ombra del gigantesco carnivoro e Child si gira verso Preston, dicendo: “questa sarebbe una ambientazione perfetta per un thriller!
Superfluo specificare che fu così che nacque Relic.

Ma sto correndo. Prima di Relic c’è un trasloco a Santa Fe, nel 1986, per potersi dedicare esclusivamente alla scrittura. Inizialmente si tratta di nuovo di opere di divulgazione, per scrivere le quali Preston non ha certo timore di condurre qualche impresa spericolata e avventurosa, dal viaggio a cavallo seguendo le tracce della spedizione di Francisco Vázquez de Coronado alla ricerca delle Sette città di Cibola fino a esplorazioni di valli cambogiane o visite a camere sepolcrali della Valle dei Re.

Il successo arriva però negli Anni Novanta con Relic che diventa anche un film, consolidando la fama del duo Preston & Child: dopo sequel e vari altri progetti ecco nascere uno dei detective letterari più famosi dei nostri tempi, A.X.L. Pendergast, con una serie di romanzi dal grande impatto su critica e pubblico.

Douglas Preston continua ancora adesso a essere impegnato su mille fronti e, oltre alla sua prolifica collaborazione con Lincoln Child, contribuisce a importanti testate quali New Yorker, Smithsonian, National Geographic, Harper’s e Atlantic, trovando anche il tempo per scrivere romanzi “da solo”.
Ha soggiornato in Italia per documentarsi e scrivere insieme a Mario Spezi Dolci colline di sangue, un importante testo sul Mostro di Firenze.

Lincoln Child

Lincoln Child nasce un anno dopo rispetto a Douglas Preston, ovvero nel 1957 a Westport, Connecticut.
Pur amando molto il mondo dei computer e della programmazione si laurea in lettere e poco dopo è in viaggio per New York, alla ricerca di un incarico in qualche casa editrice.
Approda come assistente a St. Martin’s Press e, editando più di un centinaio di testi, si assicura negli anni posizioni sempre migliori. Ha un particolare occhio di riguardo nei confronti dell’horror, assembla varie raccolte di racconti e gli viene affidata la creazione della sezione horror della casa editrice.

All’improvviso e da una posizione ben consolidata, Child abbandona St. Martin Press per una posizione di analista di sistema a MetLife, il suo amore per i computer torna a fare capolino e, non dovendo più lavorare su testi altrui per parecchie ore al giorno, ecco che trova finalmente la vena per scrivere cose sue.
Il successo di Relic gli permette, qualche tempo dopo, di lasciare anche l’incarico a MetLife e dedicarsi completamente alla scrittura.

La sua vita è un po’ meno spettacolare rispetto a quella di Preston, niente viaggi nella giungla o esplorazioni di antiche tombe e anche per quanto riguarda la produzione di testi “da solo” è meno prolifico rispetto al socio, sebbene fin dall’esordio del 2002 con Utopia sia finito spesso nelle top list di vendita.

Consigliati per te

Bibliografia

relicIl successo di questa coppia di autori prende vita da un Big Bang iniziale e ruota in seguito attorno a una stella primaria.
È fin troppo ovvia l’importanza che ha avuto Relic per la loro carriera, in particolare dopo l’uscita del film: oltre a dargli confidenza nei confronti delle loro possibilità editoriali, gli ha anche donato una certa indipendenza economica e la tranquillità necessaria a lavorare intensamente ad altre opere.

La stella è Aloysius Pendergast e anche in questo caso bisogna ringraziare Relic, nel quale compare come personaggio non protagonista: tornerà nel sequel, Reliquary, e pretenderà maggiore spazio ne La stanza degli orrori.

I pianeti, anche di discreta importanza, che ruotano attorno a questa stella sono i vari romanzi che non appartengono a questa serie, pensiamo quindi alla serie di Gideon, della quale da noi è arrivato solo il primo volume (Sotto copertura) o a vari altri titoli quali Marea o Maledizione, riproposti negli ultimi anni anche in BUR.
Eccovi la bibliografia di questo prolifico duo:

Serie di Pendergast

Relic (Relic, 1990) (Sonzogno, 1996)
Reliquary (Reliquary, 1997) (Sonzogno, 2001)
La stanza degli orrori (The Cabinet of Curiosities, 2002) (Sonzogno, 2002)
Natura morta (Still Life with Crows, 2003) (Sonzogno, 2003)

Trilogia di Diogenes:
Dossier Brimstone (Brimstone, 2004) (Sonzogno, 2005)
La danza della morte (Dance of Death, 2005) (Sonzogno, 2006)
Il libro dei morti (The Book of the Dead, 2006) (Sonzogno, 2007)

La ruota del buio (The Wheel of Darkness, 2007) (Rizzoli, 2008)
Il sotterraneo dei vivi (Cemetery Dance, 2009) (Rizzoli, 2009)

Trilogia di Helen:
L’isola della follia (Fever Dream, 2010) (Rizzoli, 2010)
La mano tagliata (Cold Vengeance, 2011) (Rizzoli, 2011)
Due tombe (Two Graves, 2012) (Rizzoli, 2012)

Nel fuoco (White Fire, 2013) (Rizzoli, 2013)
Labirinto blu (Blue Labyrinth, 2014) (Rizzoli, 2015)
La costa cremisi (Crimson Shore, 2015) (Rizzoli, 2016)
La stanza di ossidiana (The Obsidian Chamber, 2016) (Rizzoli, 2017)

Racconti brevi:

Extraction, 2009
Gaslighted: Slappy the Ventriloquist Dummy vs. Aloysius Pendergast, 2014 (con R.L. Stine)

Serie di Gideon

Sotto copertura (Gideon’s Sword, 2011) (Rizzoli, 2011)
Gideon’s Corpse, 2012
The Lost Island, 2013

Altri romanzi

Mount Dragon (Mount Dragon, (1996) (Sonzogno, 1997)
Marea (Riptide, 1998) (Sonzogno, 1998)
Maledizione (Thunderhead, 1999) (Sonzogno, 2000)
Ice limit (The Ice Limit, 2000) (Sonzogno, 2001)

Douglas Preston e Lincoln Child hanno anche un sito ufficiale ricco di informazioni sia sulla loro carriera di coppia sia sulle loro altre pubblicazioni.

Ti è piaciuto l'articolo? Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email e riceverai comodamente tutti i nostri aggiornamenti con le novità, le anticipazioni e molto altro.

Articolo protocollato da Redazione

All'account redazione sono assegnati gli articoli scritti da collaboratori occasionali del sito: poche apparizioni, ma stessa qualità degli altri.

Redazione ha scritto 594 articoli: