La stanza di ossidiana di Douglas Preston e Lincoln ChildRitmi serrati per Rizzoli che con La stanza di ossidiana ci propone una nuova avventura del ciclo di Pendergast a pochi mesi di distanza da quel La costa cremisi, sempre firmato da Douglas Preston e Lincoln Child.
Avevamo lasciato uno dei nostri agenti FBI preferiti alle prese con rituali demoniaci e malefiche presenze e lo ritroviamo ora in un titolo che ci porterà a spasso per il mondo, da New York alla Mauritania, dalla Namibia al Botswana.

“Ritroviamo” è termine poco adatto, visto che La stanza di ossidiana si apre nella peggiore delle maniere: l’agente speciale Aloysius Pendergast è scomparso, svanito nel nulla, non ci sono tracce del suo copro e ben poche speranze di ritrovarlo in futuro.
Spazio quindi agli altri personaggi della serie, in particolare Proctor, Constance e qualcuno che torna dal passato.

Pubblicato in originale nel 2016 con il titolo di The Obsidian Chamber, La stanza di ossidiana è il sedicesimo volume appartenente alla serie di Pendergast, che costituisce la punta di diamante della produzione della coppia Lincoln e Child: eccovi di seguito alcuni elementi della trama.

La scomparsa dell’agente speciale Pendergast ha lasciato i suoi due principali collaboratori, l’assistente Constance Greene e la guardia del corpo Proctor, nello sconforto più totale. Rifugiatisi nella gloriosa e splendida residenza di famiglia, la Baux Arts Mansion all’891 di Riverside Drive in New York, i due perdono sempre più la speranza di ritrovare l’amico e datore di lavoro, e per Constance il dolore è doppio in quanto la perdita è arrivata dopo che Pendergast ha rifiutato la dichiarazione d’amore che lei gli ha fatto.

Ma i due non hanno molto tempo per perdersi nella depressione: un’ombra minacciosa è in agguato e Proctor, convinto che Constance sia stata sequestrata, si getta all’inseguimento in una lunga caccia che lo porta fino in Namibia. Lì i misteriosi rapitori piratano il computer del suo SUV, abbandonandolo nel deserto del Kalahari.

Nel frattempo il fratello malvagio e omicida di Pendergast, Diogenes, si riavvicina a Constance, le dichiara il suo amore e, affermando di essersi ravveduto e riabilitato, riesce a vincere le sue riluttanze e la convince a seguirlo nella località paradisiaca di Halcyon Key, in Florida.

La situazione sembra completamente compromessa, con Proctor fuori gioco e Constance ammaliata dalle promesse di Diogenes, ma nulla è ancora perduto, anche perché qualcuno è pronto a far ritorno e a rimettersi azione.

Come altri romanzi di questa serie, anche La stanza di ossidiana richiede al lettore una certa conoscenza dell’universo di Pendergast e un po’ di pazienza nei confronti di alcuni buchi logici e frettolosità della trama, ma saprà ripagare questa disposizione con un’avventura caratterizzata dal gran ritmo e da squarci di immaginazione macabra.

Bio-bibliografia italiana di Lincoln e Child

Compra su Amazon

La stanza di ossidiana (Serie di Aloysius Pendergast Vol. 16)
464 Recensioni

Articolo protocollato da Redazione

All'account redazione sono assegnati gli articoli scritti da collaboratori occasionali del sito: poche apparizioni, ma stessa qualità degli altri.

Redazione ha scritto 564 articoli: