Cinque blues per la banda Monterossi - Alessandro Robecchi

Diciamo le cose come stanno, non credo di passare per quello che urla alla luna se dico che lo spirito con cui ci accingiamo a leggere un romanzo non è lo stesso che riserviamo a un racconto. Per quest’ultimo si ha la sensazione più o meno latente che il viaggio debba per forza presentare insidie, trappole, che si arrivi al traguardo ineluttabilmente non proprio soddisfatti. Non che il romanzo sia un percorso idilliaco, tutt’altro, ma siamo comunque disposti ad accordargli qualche pecca. Se il tragitto è lungo, possiamo trovare normale e logica una partenza tranquilla, una fermata qua e là per riprendere fiato, chiudere un occhio persino su qualche piccola, innocua disattenzione. Se è breve, nel caso del racconto, inconsciamente o meno si parte già titubanti, si è poco inclini ad ammettere lacune e a concedere tutta questa confidenza. E se alla fine si rimane con l’amaro in bocca, è logico pensare “Te l’avevo detto, no?”  

Ebbene, non ho l’ardire di ritenere l’antologia che sto per presentarvi l’eccezione che conferma la regola, fatto sta che non ha assolutamente niente da invidiare a un appassionante romanzo. Cinque blues per la banda Monterossi è un piccolo gioiello, i racconti sono avvincenti, ironici, la lettura è piacere allo stato puro come sempre quando a scrivere è Alessandro Robecchi e, almeno per quanto mi riguarda, non ho mai percepito quel fastidioso formicolio che alla fine fa sbottare “lo sapevo che manca qualcosa, d’altronde non è un romanzo”. 

Cinque blues per la banda Monterossi esce a dieci anni esatti di distanza dall’esordio del protagonista Carlo Monterossi, autore televisivo disilluso, stufo di sfornare progetti che immancabilmente finiscono a ingrossare le fila dell’ormai dilagante tv spazzatura. Tra una peripezia più o meno fortuita e l’altra, il detective “per caso” è contornato da comprimari altrettanto fuori dagli schemi ma allo stesso tempo più che mai verosimili. Su tutti Oscar Falcone, bizzarro co-investigatore dalle imprevedibili conoscenze e dai misteriosi agganci.

A questa antologia non manca proprio nulla, i racconti sono meccanismi ben oliati, ineccepibilmente costruiti mediante la giusta dose di suspense e umorismo, e non si avverte la benché minima differenza con uno dei romanzi che vede protagonista la Monterossi & C.. È proprio l’ironia malinconica, marchio di fabbrica di quel genio di Alessandro Robecchi, a rendere umani i personaggi, e ci dovrebbe far capire che spesso, troppo focalizzati sul nostro piccolo orticello di vita, ce la dimentichiamo come compagna per affrontare le nostre vicissitudini quotidiane.  

Il tavolo, Killer (gita in Brianza), Doppio misto, Piccola suite borghese e Occhi sono le cinque storie, una più accattivante dell’altra, che compongono la raccolta. Il finale di una di esse serba anche un’ulteriore, piccola sorpresa: un brevissimo cameo della protagonista appartenente alla serie di un popolare giallista italiano, volto noto anche qui a Thriller Café. Non svelo altro per non rovinare la lettura, ma chissà se la cosa può essere foriera di un’intrigante collaborazione.

Per uno come il sottoscritto che legge Stephen King dall’età di 12 anni, la citazione iniziale, che non conoscevo, è metaforicamente perfetta, e ho trovato così illuminante la prefazione L’arte deplorevole del racconto, che a mio avviso, come si suol dire, già da sola vale il prezzo del biglietto. 

Ce lo vedo, Carlo Monterossi, davanti a una finestra del suo bell’appartamento, in mano un bicchiere di Oban, in sottofondo una ballata struggente dell’immancabile Bob Dylan, lo sguardo perso nell’orizzonte della sua Milano, magari al cospetto di un tramonto della stessa sfumatura del suo whiskey preferito, che con un accenno di ghigno malinconico sulle labbra mormora: “Il racconto è uno sporco lavoro, qualcuno deve pur farlo“. Alessandro Robecchi lo fa alla grande.  

Compra su Amazon

Sconto di 0,75 EUR
Cinque blues per la banda Monterossi
396 Recensioni
Cinque blues per la banda Monterossi
  • Editore: Sellerio Editore Palermo
  • Autore: Alessandro Robecchi

Articolo protocollato da Damiano Del Dotto

Mi chiamo Damiano, abito a Pistoia, sono sposato con Barbara e sono più vicino ai 50 anni che ai 40. Poche cose colloco nella memoria come il momento temporale e il libro che in qualche modo mi ha cambiato la vita e mi ha infuso la gioia della lettura: avevo 11 anni, frequentavo la prima media e il romanzo è IT di Stephen King. Da allora non posso fare a meno di questa passione viscerale che mi accompagna quotidianamente. Si sente spesso dire che siamo la somma delle nostre esperienze. Allo stesso modo credo che l'amore che provo per la vita sia la somma dei libri che leggo.

Damiano Del Dotto ha scritto 36 articoli:

Libri della serie "Carlo Monterossi"

Cinque blues per la banda Monterossi – Alessandro Robecchi

Cinque blues per la banda Monterossi – Alessandro Robecchi

Diciamo le cose come stanno, non credo di passare per quello che urla alla luna se dico che lo spirito con cui ci accingiamo a leggere un romanzo non è lo stesso che riserviamo a […]

Di rabbia e di vento – Alessandro Robecchi

Di rabbia e di vento – Alessandro Robecchi

“Di rabbia e di vento” è il terzo romanzo di Alessandro Robecchi che vede protagonista Carlo Monterossi, ex autore di reality televisivi, insieme alla sua cerchia di relazioni ormai note; oltre ad Oscar Falcone, amico […]

Flora – Alessandro Robecchi

Flora – Alessandro Robecchi

“Flora” fa parte del filone di romanzi gialli editi da Sellerio a firma di Alessandro Robecchi, giornalista e scrittore milanese, che vedono protagonisti Carlo Monterossi e la sua “squadra”, composta dall’amica Bianca Bellesi, dall’investigatore Oscar […]

Una piccola questione di cuore – Alessandro Robecchi

Una piccola questione di cuore – Alessandro Robecchi

Ben ritrovati al bancone del Thriller Café! Sono entusiasta di accompagnarvi oggi, tra un caffè, un Prosecco e una tequila-sale-limone, tra le pagine di ‘Una piccola questione di cuore’ di Alessandro Robecchi (edito da Sellerio). […]

I tempi nuovi – Alessandro Robecchi

I tempi nuovi – Alessandro Robecchi

Alessandro Robecchi da Milano, classe 1960, è un apprezzato autore televisivo ed esperto di musica: collabora da anni con le trasmissioni di Crozza di cui è una colonna portante ed indispensabile. Nel 2013 ha messo […]

Follia maggiore – Alessandro Robecchi

Follia maggiore – Alessandro Robecchi

Al ritmo di un romanzo all’anno e nel segno di una qualità omogenea, accompagnata da una crescente confidenza nei suoi mezzi e temi, Alessandro Robecchi aprirà il 2018 con Follia maggiore, pubblicato come sempre da […]

Torto marcio – Alessandro Robecchi

Torto marcio – Alessandro Robecchi

Sellerio ha portato in libreria Torto marcio, nuovo noir di Alessandro Robecchi, che è già stato salutato dalla critica come il suo titolo migliore. C’è quindi grande curiosità per questo romanzo dell’autore milanese anche qui […]