American PsychoOggi su Thriller Café l’incipit di American Psycho, il disturbante romanzo di Bret Easton Ellis. Un libro che – benché diverso dallo Psycho di Robert Block – racconta la vicinanza spesso invisibile del Male.

“Lasciate ogni speranza, voi ch’entrate”, sta scritto scarabocchiato a grandi lettere rosso sangue su un muro della Chemical Bank, presso l’incrocio tra l’Undicesima Strada e la Prima Avenue, a New York; e l’iscrizione è tanto vistosa che la si legge comodamente dall’interno del nostro taxi, che avanza a piccoli strappi nel traffico caotico, proveniente da Wall Street. Timothy Price ha fatto appena in tempo a leggerla, quand’ecco che un autobus si affianca al taxi e gli chiude la visuale. Il torpedone reca sulla fiancata l’invito ad assistere ai Miserables in versione Broadway. A questo punto, Price – che ha ventisei anni e lavora per la Pierce & Pierce – si protende in avanti e dice al tassista che, se alza il volume della radio, gli darà cinque dollari di mancia. La radio sta trasmettendo Be my baby. L’autista negro non americano obbedisce.
“Sono pieno di risorse”, mi sta dicendo Timothy Price. “Sono un creativo, io. Sono giovane, senza scrupoli, altamente motivato, altamente qualificato. In sostanza, ti sto dicendo che la società non può permettersi di perdermi, non può! Rappresento una grossa risorsa, io, per loro”. Detto questo, si calma e seguita a guardare fuori dal sudicio finestrino del taxi, fissando probabilmente la parola “paura” tracciata a spruzzo, con vernice rossa, sulla facciata di un McDonald’s tra la Quarta e la Settima. “Cioè, voglio dire, resta il fatto che non gliene frega un tubo a nessuno del proprio lavoro: tutti odiano il loro mestiere. Io lo odio, il mio impiego. E tu m’hai detto che lo odi, il tuo. Che cosa devo fare? Tornarmente a Los Angeles? Non è una soluzione alternativa. Mi sono trasferito dalla UCLA alla Stanford per rassegnarmi a questo. Voglio dire, cioè, sono forse l’unico, io, a pensare che non facciamo abbastanza soldi?” Come in un film, compare un altro autobus e nasconde la parola “paura” con la pubblicità dei Miserables. Non si tratta dello stesso autobus perché sul cartellone di questo, qualcuno ha scritto “lesbica” sul volto di Eponine. Timothy sbotta: “Ho un appartamento mio, qui, io; ho una seconda casa negli Hamptons, diocristo!”…

American Psycho, di Bret Easton Ellis: acquistalo su Amazon!

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1644 articoli: