Se7en

Partendo dai thriller psicologici fino ad arrivare agli horror e ai drammi polizieschi, non è facile ricondurre i film thriller a una caratterizzazione precisa, e ancor più difficile è quindi cercare di identificare quali siano da considerare i capisaldi del genere. Cercando comunque di stilare una lista che contenga un buon numero di pellicole iconiche, abbiamo qui elencato alcuni di quelli che a nostro giudizio possono rientrare a buon titolo tra i migliori film thriller di sempre nella storia del cinema.

25 tra i migliori film thriller di tutti i tempi

Ecco a seguire 25 dei film più avvincenti e ricchi di suspense, che spaziano dai grandi classici del genere, facilmente identificabili, a opere sottovalutate.

Sono produzioni che tengono col fiato sospeso e le mani aggrappate ai braccioli della sedia mentre la tensione si fa sempre più palpabile. Accomodiamoci, spegniamo le luci e prepariamoci per un’esperienza mozzafiato.

Il sesto senso

Il sesto senso

La tensione presente in Il sesto senso di M. Night Shyamalan si raggiunge attraverso un equilibrio preciso tra il soprannaturale e il reale.

Cole Sear (interpretato da Haley Joel Osment), un bambino di otto anni, è in grado di vedere e sentire cose che nessun altro può percepire.

Tuttavia, è così spaventato da non osare parlarne con nessuno, nemmeno con sua madre single. Uno psichiatra infantile, Malcolm Crowe (interpretato da Bruce Willis), scopre il segreto del bambino e cerca di aiutarlo.

Nonostante il ritmo lento, Shyamalan riesce a creare una grande suspense attorno alle visioni spaventose di Cole.

Shutter Island

Shutter Island

Il complesso thriller psicologico diretto da Martin Scorsese si basa sul libro omonimo di Dennis Lehane. Shutter Island si svolge nel Massachusetts degli anni ’50, dove l’agente federale americano Teddy Daniels (Di Caprio) si reca su un’isola remota per malati criminali insieme al suo collega Chuck (Mark Ruffalo) per investigare sulla scomparsa di una paziente.

L’amministrazione della struttura ostacola costantemente l’indagine di Teddy, che interroga diverse persone tra cui i detenuti, i quali offrono diverse teorie e complotti che riguardano la struttura.

The Prestige

The Prestige

Christopher Nolan dimostra un talento straordinario nel creare suspense sia attraverso tecniche narrative che visive.

The Prestige, tratto dal romanzo di Christopher Priest del 1995, è un esempio eccellente della sua abilità.

La pellicola narra la vicenda della rivalità tra due prestigiatori dell’epoca vittoriana. Iniziano le loro carriere in un teatro di Londra e collaborano insieme fino a quando un incidente li divide.

La loro rivalità raggiunge il culmine quando un mago ossessionato cerca di scoprire il segreto dell’incredibile atto vaudevilliano dell’altro.

Il salario della paura + Vite vendute

Il salario della paura

Le rielaborazioni americane di classici hanno spesso prodotto risultati poco soddisfacenti. Tuttavia, Il salario della paura di William Friedkin costituisce una piacevole eccezione.

Basato sul romanzo di Georges Arnaud del 1950, il film di Friedkin riprende la precedente pellicola Vite vendute di Henri-Georges Clouzot.

La pellicola racconta la storia di quattro uomini europei poveri che vivono in una piccola città sudamericana.

Il capo di una compagnia petrolifera americana li assume per il trasporto di due grandi camion carichi di nitroglicerina, un materiale altamente instabile.

Il carico serve a spegnere un incendio in un pozzo petrolifero. Il viaggio è pericoloso. I quattro uomini affrontano le proprie paure personali mentre cercano di guidare per 300 miglia su un terreno accidentato.

The Manchurian Candidate

The Manchurian Candidate

L’epoca dei film thriller paranoici nel cinema americano ha avuto inizio con The Manchurian Candidate di John Frankenheimer. 

Un anno dopo, quando il presidente John F. Kennedy fu assassinato, la trama del film divenne parte delle teorie del complotto che circondavano l’assassinio.

La storia ruota attorno a un prigioniero di guerra americano di nome Raymond Shaw, catturato durante la guerra di Corea e sottoposto al lavaggio del cervello dai comunisti. Shaw torna in America e vince persino una medaglia d’onore del Congresso.

Tuttavia, l’uso di una frase particolare in codice può trasformare Raymond Shaw in un assassino.

The Vanishing – Scomparsa

The Vanishing - Scomparsa

Il teso thriller psicologico dell’olandese George Sluizer, The Vanishing, si basa sul romanzo di Tim Krabbe. Una coppia di Amsterdam, Rex e Saskia, va in vacanza in bicicletta nel sud della Francia, ma Saskia scompare in una stazione di servizio, con la polizia che non riesce a trovare nessun indizio.

Tre anni dopo, Rex è ancora ossessionato dalla scomparsa della sua ragazza. La storia si sposta improvvisamente su Raymond Lemorne, il rapitore di Saskia, professore di scienze che vive con la moglie e le due figlie nella tranquilla campagna francese, che si rivela essere un sociopatico.

Oldboy

Oldboy

Oldboy è noto per aver mescolato abilmente più ambientazioni di genere a una storia di vendetta altrimenti semplice.

L’attore coreano Choi Min-sik interpreta Dae-su, un uomo d’affari di Seoul. Un giorno questi si sveglia rinchiuso in un appartamento misterioso, dove viene trattenuto senza spiegazioni per 15 anni.

Quando Dae-su viene rilasciato, si trova addosso un cellulare e del denaro. Non sa perché i rapitori lo abbiano liberato adesso. Il processo di ricerca delle risposte di Dae-su è la chiave di questa drammatica esperienza interiore.

Niente da nascondere

Niente da nascondere

L’enigmatico thriller di Michael Haneke è un’opera provocatoria che non offre risposte definitive ai misteri al suo interno.

La vita borghese e pacifica di una coppia, Georges e Anne Laurent, intellettuali liberali, viene sconvolta da un video misterioso, dove viene mostrata soltanto la loro casa. Nessuna minaccia.

La coppia inizia a ricevere altri video, ma anche telefonate anonime e immagini raccapriccianti disegnate con mani infantili. Entrambi non riescono a capire se sia solo uno scherzo innocuo o una minaccia voyeuristica legata al passato di Georges.

Rebecca – La prima moglie

Rebecca – La prima moglie

Thriller gotico di Alfred Hitchcock, si basa sull’omonimo romanzo di Daphne du Maurier del 1938. La storia si svolge segue le vicende di una giovane donna mite (Joan Fontaine), di cui non si conosce il nome.

La donna si innamora di Maxime de Winter (Laurence Olivier), ricco vedovo. Dopo il matrimonio, la signora Winter si trasferisce nella sua sontuosa tenuta di campagna. Qui, la presenza della defunta Rebecca, prima moglie di Max, si fa sentire sia in senso letterale che figurato.

The Departed

The Departed

Martin Scorsese è un regista versatile, noto anche per i suoi drammi polizieschi. In The Departed, il regista entra nel familiare territorio dei gangster. La storia segue Billy Costigan, a cui è stato offerto un lavoro sotto copertura dopo aver completato alla Massachusetts State Police Academy la propria formazione.

La sua famiglia è nota per i legami con i gangster irlandesi. Pertanto, la polizia necessita di lui per catturare Frank Costello, potente boss di una banda.

Un tranquillo weekend di paura

Un tranquillo weekend di paura

Un tranquillo weekend di paura, pellicola che si basa sul romanzo di James Dickey del 1970, è diretto dal regista britannico John Boorman.

Si tratta di una pietra miliare nel cinema thriller con protagonisti  quattro uomini bianchi della classe media che vivono in città con l’obiettivo di attraversare in canoa il fiume Kahurawasi nel nord della Georgia.

Una coppia ostile del posto rovina il loro tranquillo weekend. Successivamente, uno di loro viene ucciso per legittima difesa. Gli scontri che ne seguirono misero in luce le nette differenze tra l’America urbana e quella rurale.

Zodiac

Zodiac film

David Fincher riesce a creare un senso di tensione e terrore all’inizio di Zodiac. Nel luglio 1969, una giovane coppia venne brutalmente aggredita da uno sconosciuto in maschera. Mentre l’uomo sopravvive, la donna muore.

L’assassino colpì di nuovo e scrisse una lettera al San Francisco Chronicle, definendosi “Zodiac“. Giornalisti e agenti di polizia passano gran parte della loro esistenza a dare la caccia a questo serial killer.

Intrigo internazionale

Intrigo internazionale

Il thriller d’azione e avventura creato da Alfred Hitchcock è incentrato sui temi più amati del regista: l’inganno e la slealtà.

La trama, scritta da Ernest Lehman, è imperniata sul personaggio di Roger O’Thornbill (interpretato da Cary Grant), un innocente dirigente pubblicitario inseguito da un gruppo di sabotatori stranieri, il quali credono che sia un agente governativo di nome George Kaplan. 

Di conseguenza, Roger viene inconsapevolmente trascinato in un piano che lo porta in un viaggio attraverso la regione nord-occidentale degli Stati Uniti. 

La morte corre sul fiume

La morte corre sul fiume

In La morte corre sul fiume, l’unica avventura da regista del celebre attore britannico Charles Laughton, la parabola del bene contro il male si svolge in modo straziante e agghiacciante.

L’ambientazione è la regione della Bible Belt del sud americano durante la Grande Depressione, e la trama è incentrata sul personaggio malvagio di Robert Mitchum, Harry Powell, un predicatore consumato dalla malevolenza.

Ben Harper, un condannato a morte, parla di una fortuna nascosta mentre dorme. Il suo compagno di cella, Powell, lo sente e inizia a cercare il tesoro dopo il suo rilascio. Powell si avvicina alla vedova di Harper per ulteriori informazioni e alla fine la sposa. Tuttavia, i figli di Harper, John e Pearl, sono in grado di riconoscere le sue vili intenzioni.

Chinatown

Chinatown

Chinatown, il neo-noir di Roman Polanski, presenta una delle sceneggiature più ricche di suspense che siano mai arrivate sul grande schermo. Il regista e lo sceneggiatore Robert Towne sottintendono sapientemente l’esistenza di una sinistra cospirazione in agguato sotto l’inganno e gli omicidi fin dalle prime scene. 

La storia è ambientata durante la Grande Depressione a Los Angeles e segue l’investigatore privato JJ Gittes (interpretato da Jack Nicholson), che è stato assunto da una moglie sospettosa di nome Evelyn Mulwray (Faye Dunaway) per seguire il marito Hollis Mulwray (Dwight Frye).

Una separazione

Una separazione

Come con molti dei suoi omologhi iraniani, Asghar Farhadi produce cinema che esplora temi socio-politici delicati da una prospettiva umanista.

Tuttavia, a differenza dei suoi contemporanei, Farhadi intreccia abilmente suspense e tensione naturalistiche in tutto il suo lavoro esaminando meticolosamente la società iraniana.

Il suo quinto film, Una separazione, è stato quello che lo ha portato sulla scena internazionale. La storia è incentrata su una coppia sposata la cui relazione è messa a dura prova dal disaccordo sul trasferimento all’estero.

Il marito desidera rimanere in Iran per prendersi cura di suo padre, che ha l’Alzheimer. Il dilemma morale della coppia è ulteriormente complicato dall’assunzione di una badante per il genitore malato.

Non è un paese per vecchi

Non è un paese per vecchi

Il romanzo di Cormac McCarthy funge da materiale di partenza per un film avvincente, violento e pieno di suspense dei fratelli Coen.

Llewelyn Moss, un cacciatore esperto interpretato da Josh Brolin, scopre due milioni di dollari nel deserto a seguito di una fallita transazione di droga.

Tuttavia, con il cartello che assume lo spietato Anton Chigurh (Javier Bardem), per recuperare i soldi, le prospettive di Llewelyn di tenerlo sembrano esigue. La conseguente battaglia di ingegno tra Llewelyn e Chigurh è sia sanguinosa che elettrizzante.

Se7en

Se7en

L’arrivo di David Fincher nell’industria cinematografica è stato segnato dall’uscita di Se7en, considerato uno dei thriller più innovativi mai realizzati.

Lavorando al fianco dello sceneggiatore Andrew Kevin Walker, Fincher presenta la storia di un assassino che si ispira ai sette peccati capitali per punire le sue vittime.

Sul caso indagano due detective: l’esperto William Somerset (Morgan Freeman) e l’impulsivo, giovane Mills (Brad Pitt).

Man mano che il caso procede, i detective scoprono indizi sempre più inquietanti, che culminano in un omicidio sconvolgente.

Anatomia di un rapimento

Anatomia di un rapimento

Sotto la facciata di un thriller sui rapimenti, Akira Kurosawa ha dipinto un vivido quadro della società giapponese del dopoguerra e delle sue divisioni sociali e di classe.

Kingo Gondo, dirigente di un’azienda calzaturiera orgoglioso della propria integrità, riceve una telefonata anonima che lo informa che suo figlio è stato rapito.

Tuttavia, scopre presto che suo figlio sta giocando fuori e che il rapitore ha preso per errore il figlio del suo autista.

Gondo lotta con la sua coscienza, combattuto tra salvare i suoi affari tenendo i soldi del riscatto o usarli per salvare il figlio dell’autista. Nel frattempo, gli investigatori organizzano una straordinaria campagna per catturare il rapitore.

Lo squalo

Lo squalo

Lo squalo è stato il precursore della tendenza dei successi estivi e ha aiutato Spielberg ad affermarsi come un importante regista di Hollywood. Tuttavia, girare il film si è rivelato un compito difficile.

La produzione ha dovuto affrontare diversi problemi logistici e il budget è andato fuori controllo. Inoltre, i due attori principali hanno avuto numerosi conflitti sul set.

Il film è ambientato in una piccola località turistica del New England e ruota attorno a un grande squalo bianco che inizia ad attaccare e uccidere i turisti.

Tre uomini con personalità diverse intraprendono un viaggio per eliminarlo. La storia è basata sull’omonimo romanzo di Peter Benchley, pubblicato nel 1974. 

Memorie di un assassino

Memorie di un assassino

Il thriller satirico di Bong Joon-ho è basato su un fatto reale: gli omicidi del primo serial killer della Corea del Sud, avvenuti nell’arco di cinque anni nella provincia rurale di Hwaseong, dal 1986 al 1991.

Un periodo di tempo, questo, che si è rivelato particolarmente tumultuoso per il clima politico della Corea del Sud, poiché vi sono state proteste diffuse contro il governo autoritario.

Gli investigatori locali, che eccellono nel gestire la folla o nell’usare la forza contro i cittadini, sembrano non avere le capacità necessarie per condurre un’indagine adeguata sugli omicidi seriali.

All’arrivo di un poliziotto intellettuale da Seoul per aiutare nelle indagini, la situazione prende una svolta. Bong Joon-ho orchestra magistralmente sequenze intense ed elettrizzanti di indagini e sorveglianza dopo aver esaminato i metodi dell’assassino.

In contrasto con la tipica rappresentazione degli eroici poliziotti americani, quelli coreani in questo film sono moralmente complicati, presentando una rappresentazione più realistica delle forze dell’ordine.

Questo lascia il pubblico senza speranza che l’autore venga assicurato alla giustizia. Inoltre, l’estetica malinconica di Bong evidenzia costantemente il disordine che circonda il caso.

La finestra sul cortile

La finestra sul cortile

La finestra sul cortile di Hitchcock è un perfetto esempio di gestione della tensione nel cinema, poiché il pubblico è intrappolato accanto al protagonista del film, LB Jeffries, un fotoreporter costretto su una sedia a rotelle che si sta attualmente riprendendo da una gamba rotta nel suo appartamento.

La noia e l’inclinazione di Jeffries verso la curiosità umana lo portano a spiare i suoi vicini attraverso le loro finestre.

Questo approccio curioso, tuttavia, porta a guai quando Jeffries sospetta che uno di loro possa aver ucciso sua moglie, e il fascino per la situazione diventa sempre più morboso.

Jeffries, interpretato da James Stewart, si rivolge alla sua fidanzata scontenta Lisa, (Grace Kelly), per chiedere supporto. Questa decisione porta a una serie di eventi che mettono in pericolo la vita di Lisa.

La telecamera di Hitchcock rimane fissa sull’appartamento di Jeffries, dando vita a un’esperienza visiva carica di emozioni per il pubblico.

Questo punto di vista limitato ci consente di sperimentare lo stesso livello di suspense e confusione di Jeffries, in particolare quando Lisa è sul punto di essere attaccata dal sospetto assassino.

Nel confronto culminante, Hitchcock utilizza abilmente il suono e l’oscurità per amplificare la tensione a un livello quasi insopportabile.

Il silenzio degli innocenti

Il silenzio degli innocenti

Basato sulla serie di libri bestseller di Thomas Harris con Hannibal Lecter, il film horror psicologico di Jonathan Demme è considerato uno dei più grandi thriller della storia del cinema.

Ha ricevuto cinque premi Oscar, incluso quello per il miglior film. La trama ruota attorno a un nuovo agente dell’Unità di scienze comportamentali dell’FBI, Clarice Starling (Jodie Foster), mentre ha il compito di interrogare il famigerato e pericoloso serial killer, Hannibal Lecter (Anthony Hopkins), che è attualmente incarcerato.

Il superiore di Clarice spera di ottenere informazioni su “Buffalo Bill”, un serial killer a piede libero. La fonte di gran parte della tensione nella storia deriva dalla manipolazione psicologica di Clarice e di altre figure autoritarie da parte di Hannibal.

La fotografia di Tak Fujimoto è particolarmente degna di nota, in quanto cattura brillantemente la suspense della scena dell’ascensore e di quella finale del salvataggio.

Inoltre, l’inquietante colonna sonora di Howard Shore amplifica il senso di disagio del pubblico.

La narrazione cela anche un arco emozionante del personaggio di Clarice mentre cerca di vincere gradualmente la propria vulnerabilità.

Psycho

Psycho rappresenta l’apice della carriera di Alfred Hitchcock, considerato il “Maestro della suspense“. È un adattamento dell’omonimo romanzo di Robert Bloch.

Ma ciò che ha reso Psycho la più grande opera d’arte cinematografica thriller, che dura negli anni, è stato il modo magistrale in cui Hitchcock è riuscito a utilizzare i dettagli sensoriali.

Partendo dall’aspetto monocromatico fino ad arrivare alle inquadrature ravvicinate estreme e agli elementi di prefigurazione fenomenali, questo film è senza dubbio un capolavoro.

Psycho parte dal territorio dei film noir nel momento in cui una normale donna di nome Marion Crane decide di sottrarre 40.000 dollari al suo datore di lavoro.

Il furto è per iniziare una nuova vita con l’uomo di cui è follemente innamorata. La sfortuna, però, segue Marion quando si ferma al Bates Motel. Dopo aver chiacchierato con Norman Bates, il proprietario dell’hotel, la donna si ritira nella sua stanza…

Psycho

Ti è piaciuto l'articolo? Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email e riceverai comodamente tutti i nostri aggiornamenti con le novità, le anticipazioni e molto altro.

Articolo protocollato da Redazione

All'account redazione sono assegnati gli articoli scritti da collaboratori occasionali del sito: poche apparizioni, ma stessa qualità degli altri.

Redazione ha scritto 599 articoli: