Dopo quella notte - Karin Slaughter

A volte ci sono episodi della vita che ti riportano a fatti avvenuti nel passato, comunicandoti le stesse emozioni che avevi vissuto allora, con una nitidezza assoluta. Accade proprio questo a Sara Linton in “Dopo quella notte”, ultimo romanzo di Karin Slaughter (edizioni HarperCollins, traduzione di Adria Tissoni), nel quale la scrittrice di Atlanta riprende la serie dell’investigatore Will Trent.

Sara sta svolgendo il suo turno notturno di pronto soccorso al Grady Hospital, quando arriva la giovane vittima di un incidente automobilistico avvenuto proprio davanti all’ospedale, Dani Cooper. Dani è ridotta male, è in fin di vita, ma prima di esalare l’ultimo respiro ha tempo di comunicare a Sara di essere stata vittima di uno stupro. La situazione particolare nella quale avviene la rivelazione, mentre Sara sta tentando una rianimazione a cuore aperto, genera una tale vicinanza alla vittima che riporta alla mente della dottoressa un episodio analogo avvenuto quindici anni prima a lei stessa. Scopriamo quindi che Sara Linton, la compagna di Will Trent, è riuscita a riemergere da un episodio di stupro. L’impatto che Dani Cooper genera su Sara è enorme. La dottoressa comincia un’investigazione serrata, cerca di capire chi possa aver fatto del male alla ragazza e, aiutata da Will Trent, scoperchia una rete enorme di violenze, che si legano al suo passato e alla sua carriera di medico.

Karin Slaughter conferma di essere una delle migliori crime novelist degli Stati Uniti (la migliore?) con questo romanzo ruvido e appassionante. Costruisce la sua storia, riportando al pubblico Will e Sara, su una serie di flashback che ci portano avanti e indietro nel tempo, con un ritmo incalzante che ricorda le migliori canzoni degli Alabama Shakes (che io cito solo perché la Slaughter ci dice che sono una delle band preferite da Sara Linton). In più c’è un meccanismo di ricostruzione dell’investigazione che è costruito in modo sublime, passo passo, in modo da far partecipare il lettore all’indagine, se non addirittura ai ragionamenti di Will e Sara. Sullo sfondo una bellissima Atlanta, fuori dagli stereotipi, dannata e sublime.

Il tema di fondo, lo avrete capito, è la violenza sulle donne. Raccontata da Sara, personaggio di una scrittrice donna, vista con l’occhio delle donne. Ricostruita fin nei minimi particolari, con tutta la crudezza e la realtà bruciante che serve. Raccontata da una donna del Sud (scrittrice e protagonista del romanzo), che urla senza filtri e denuncia una società americana grondante di maschilismo. Inopinatamente, anche oggi, 2023, senza differenze da 15 anni fa, facendoci capire che questi meccanismi sono profondi, incisi nel DNA di una comunità, duri da far scomparire, tramandati di padre in figlio.

Dietro questa colonna portante che regge il romanzo, si aprono tante altre finestre su una società che, in alcune sue manifestazioni, si rivela corrotta e retrograda. Una comunità nella quale avere la pelle bianca può essere quello che ancora oggi decide della tua sopravvivenza. Dove la stratosferica differenza tra i ricchi che nuotano nell’agiatezza e spendono milioni per accessori e lusso (c’è una chiara sottolineatura della lista della spesa del superfluo che riporta al capitolo dei biglietti da visita in “American Psycho”) e chi fatica a sopravvivere non è mai realmente messa in discussione. Dove si fa fatica a essere poliziotti onesti, senza tracimare nella facile corruzione e nell’abuso di potere. Raccontato senza troppa edulcorazione, senza la grazia di un Grisham o la stralunata ironia di un Lansdale. Diretto, come un pugno nello stomaco. Così, quello che mi torna ancora una volta in mente per lasciare una traccia a chi leggerà questo bel romanzo è proprio la canzone forse più famosa degli Alabama Shakes. Hold on, resisti. Tieni duro. Come fanno Sara e Will, anche se sono pieni di cicatrici. Come ci insegna Karin Slaughter, che dobbiamo ancora una volta ringraziare.

Compra su Amazon

Sconto di 0,98 EUR
Dopo quella notte
519 Recensioni
Dopo quella notte
  • Slaughter, Karin (Autore)

Articolo protocollato da Giuliano Muzio

Sono un fisico nato nel 1968 che lavora in un centro di ricerca. Fin da piccolo lettore compulsivo di tante cose, con una passione particolare per il giallo, il noir e il poliziesco, che vedo anche al cinema e in tv in serie e film. Quando non lavoro e non leggo mi piace giocare a scacchi e fare attività sportiva. Quando l'età me lo permetteva giocavo a pallanuoto, ora nuoto e cammino in montagna. Vizio più difficile da estirpare: la buona cucina e il buon vino. Sogno nel cassetto un po' egoista: trasmettere ai figli le mie passioni.

Giuliano Muzio ha scritto 125 articoli:

Libri della serie "Will Trent"

Dopo quella notte – Karin Slaughter

Dopo quella notte – Karin Slaughter

A volte ci sono episodi della vita che ti riportano a fatti avvenuti nel passato, comunicandoti le stesse emozioni che avevi vissuto allora, con una nitidezza assoluta. Accade proprio questo a Sara Linton in “Dopo […]

La moglie silenziosa – Karin Slaughter

La moglie silenziosa – Karin Slaughter

Recensiamo oggi al Thriller Café La moglie silenziosa di Karin Slaughter, nuovo capitolo della serie Wilbur “Will” Trent pubblicato da HarperCollins. Ad Atlanta, in Georgia, una giovane universitaria corre nei boschi intorno al campus, all’alba, per […]

L’ultima vedova – Karin Slaughter

L’ultima vedova – Karin Slaughter

La famosa scrittrice statunitense Karin Slaughter (regina del crime internazionale, già nella lista dei “New York Times Best Sellers” e diverse volte vincitrice del “Crimezone Thriller Award”) di recente ha pubblicato il suo ultimo thriller intitolato L’ultima […]

Scia di sangue – Karin Slaughter

Scia di sangue – Karin Slaughter

HarperCollins Italia continua a soddisfare la fame di lettura dei fan di Karin Slaughter e apre il 2017 con Scia di sangue, titolo appartenente alla serie più nota di questa autrice, quella dedicata a Will […]

L’invisibile – Karin Slaughter

L’invisibile – Karin Slaughter

La segnalazione di oggi qui al Thriller Café è per il nuovo romanzo di Karin Slaughter, L’invisibile, in uscita per timeCrime. L’invisibile (titolo originale Unseen) è il più recente volume della serie di Will Trent, […]

Mente criminale – Karin Slaughter

Mente criminale – Karin Slaughter

Con Mente criminale ritroviamo questo mese in libreria Karin Slaughter, ancora una volta per timeCrime con traduzione di F. Ressi. Mente criminale può essere considerato il quarto volume della Georgia series, che combina quella di […]

Tra due fuochi – Karin Slaughter

Tra due fuochi – Karin Slaughter

Continua per i tipi di TimeCrime la serie di Will Trent nata dalla penna di Karin Slaughter: esce questo mese infatti Tra due fuochi, quarto volume della saga dopo L’ombra della verità, Tre giorni per […]

Genesi – Karin Slaughter

Genesi – Karin Slaughter

E’ uscito ieri, 20 settembre, il nuovo romanzo di Karin Slaughter, Genesi, edito da TimeCrime come i precedenti L’ombra della verità e Tre giorni per morire. Dalla stessa autrice contato come terzo volume della serie […]

L’ombra della verità – Karin Slaughter

L’ombra della verità – Karin Slaughter

Apriamo la settimana del Thriller Café con una segnalazione che vale per due. Il titolo di oggi, L’ombra della verità di Karin Slaughter, infatti, fa da apripista alle pubblicazioni del nuovo progetto editoriale TimeCrime, nato […]