Sabbia nera - Cristina Cassar ScaliaDa circa un mese è uscito La logica della lampara, il secondo libro della serie con protagonista Vanina Guarrasi, però a noi piace fare le cose a regola d’arte, quindi cominciamo col parlare del primo. Si tratta di Sabbia nera, pubblicato da Einaudi nel 2018. L’autrice è Cristina Cassar Scalia, nata a Noto nel 1977, medico oftalmologo che con Sperling & Kupfer ha pubblicato La seconda estate (2012) e Le stanze dello scirocco (2015). Fatte le presentazioni, possiamo parlare di colei che catalizza l’attenzione del lettore sin dalle prime pagine di questo giallo: il vicequestore Giovanna Guarrasi, detta Vanina, palermitana D.O.C. da poco trapiantata a Catania per dirigere la sezione Reati contro la persona della mobile. E’ sicuramente lei il perno del romanzo, attorno al quale gira un nugolo di personaggi tutti singolari, ben caratterizzati ed utili alla narrazione: c’è l’ispettore capo Spanò – insostituibile braccio destro della Guarrasi – ci sono gli altri membri della sua squadra, i magistrati, la vicina di casa premurosa e attenta, i pochi amici preziosi – Adriano e Giulia in testa – e poi ci sono le ombre dal passato, prima fra tutte quella del giudice Paolo Malfitano, ferita aperta nel cuore di Vanina, che nei giorni in cui si svolge questa storia fa non poco parlare di sé. E poi ci sono i personaggi marginali ma comunque rilevanti, legati al caso che, in una domenica sera di settembre è piovuto sul capo di Vanina inopportuno e molesto come la pioggia di sabbia dell’Etna, nera e abrasiva, che raschia tutto ciò su cui si poggia.

Nella villa di una nota famiglia di un paese sulle pendici del vulcano, viene ritrovato un cadavere nascosto in un vecchio montacarichi inutilizzato: è il corpo di una donna, è mummificato e sembra essere lì da almeno cinquant’anni. Vanina si appassiona da subito al caso, tutti – lei in primis – si chiedono cosa speri di scoprire su un cadavere rimasto nascosto per tanto tempo, perché si impegni tanto a risolvere questo caso… ma la verità è che a Vanina Guarrasi piacciono le rogne, le piacciono i casi difficili, ci si butta a capofitto con tutta se stessa… le impediscono di pensare alle tante ombre che affollano la sua vita. E questo caso, con i suoi tanti spunti nascosti, darà davvero modo a Vanina e alla sua squadra di pensare; per fortuna avranno a disposizione il provvidenziale aiuto di fonti non ufficiali che, fra conoscenza dell’indagine e grande esperienza nei pettegolezzi di paese saranno indispensabili per arrivare alla soluzione di un delitto… o forse due… o tre?

L’aspetto peculiare di questo giallo è, senza dubbio, l’atmosfera: l’ambientazione – Catania e la Sicilia a fine estate – fanno da imprescindibile sfondo a giornate calde, piene di sole, di gente, di cibo, di familiarità. A questo clima disteso e trasudante quotidianità contribuiscono anche le passioni di Vanina, prima fra tutte quella per il buon vecchio cinema italiano, meglio se d’autore, e per la buona cucina: è impossibile, leggendo Sabbia nera, non farsi venire fame e non soccombere alla voglia crescente di assaggiare ognuno dei manicaretti citati nel libro. C’è un mondo, in queste pagine, fatto di chiacchere tra donne, pettegolezzi trasformati in verità e verità seppellite sotto uno strato denso di sabbia vulcanica; ma c’è anche la vita privata di una donna coraggiosa, Vanina Guarrasi, che ha pagato il fatto di essere figlia di un padre amato da tutti che a lei è stato strappato, e che oggi paga le sue scelte di vita con consapevolezza e coraggio. E coraggiosa lo è da sempre, Vanina, oltre che forte ed intelligente. Un’altra poliziotta del Sud che ci mette la faccia, un’altra donna che si oppone con forza e concretezza al crimine, quale che sia la sua forma, un’altra donna che non ha paura di rivoluzionarsi la vita facendo scelte difficili e che è pronta a pagarne le conseguenze anche quando queste si rivelano sbagliate.

Leggero ma non troppo, dunque, questo giallo siciliano: Cristina Cassar Scalia, poi, ha una penna sicura che sa alternare ironia a profonda serietà senza mai annoiare. Come non leggere, quindi, anche il seguito? E noi saremo qui a parlarvene molto, ma molto presto.

Recensione di Rossella Lazzari.

Sconto di 2,85 EUR
Sabbia nera
56 Recensioni
Sabbia nera
  • Cristina Cassar Scalia
  • Editore: Einaudi