Visto che qualche giorno fa abbiamo parlato di Jack Reacher, il protagonista dei libri di Lee Child, l’incipit di questa settimana mi è parso giusto dedicarlo a lui: è tratto dal romanzo Via di fuga:

“Si dice che sapere sia potere. Quanto più sai, tanto più puoi.
Supponi di sapere i numeri vincenti del lotto. Tutti. Non li hai indovinati e nemmeno segnati, ma sai con certezza quali sono. Che faresti? Senza dubbio ti precipiteresti dal tabaccaio. Li scriveresti sulla schedina e la vincita sarebbe assicurata.
Lo stesso vale per il mercato azionario. Supponi di conoscere veramente quali azioni saliranno. Non un presentimento o una sensazione, non una tendenza o un gioco di percentuali, e nemmeno una soffiata o un consiglio. Supponi semplicemente di saperlo. Pura conoscenza. Che faresti in tal caso? Chiameresti il tuo agente, giusto? Compreresti quei titoli, poi li venderesti e guadagneresti una montagna di soldi.
Ciò vale anche per la pallacanestro, le corse ippiche, per qualsiasi cosa… il football, l’hockey, i campionati mondiali del prossimo anno, per tutti i tipi di sport: se potessi predire il futuro, saresti a cavallo. Così pure per gli Oscar, per il premio Nobel, o per la prima nevicata dell’inverno. Questo vale per tutto.
Anche per uccidere.
Supponi di voler uccidere qualcuno. Dovresti sapere in anticipo come fare. Ma questa parte non è difficile, esistono molti modi per farlo. Alcuni sono migliori di altri, gran parte presenta svantaggi, perciò usi la tua conoscenza specifica e inventi una nuova tecnica. Rifletti, rifletti, e rifletti ancora, poi d’un tratto, ecco: il metodo perfetto.”

L’incipit di Morte Grezza è stato suggerito da Popcorn & Macchine da scrivere

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1644 articoli: