morte grezza - ian rankinCon Morte Grezza, Ian Rankin vinse un nel 1997 un prestigioso Gold Dagger Award. Thrillercafe.it ve ne propone oggi l’incipit:

“- RIPETIMI perché le hai uccise.
– Gliel’ ho già detto, è questo bisogno.
Rebus controllò gli appunti. – Prima hai usato la parola ‘compulsione’.
La figura accasciata sulla sedia annuì. Emanava un odore sgradevole. – Bisogno, compulsione… stessa cosa.
-Ah, davvero? – Rebus spense la sigaretta nel portacenere di latta stracolma e un paio di mozziconi traboccarono sul piano metallico del tavolo. – Parlami della prima vittima.
Il tizio di fronte a lui bofonchiò qualcosa. Si chiamava William Crawford Shand, più noto come “Craw”. Quarant’anni, single, disoccupato da sei, viveva solo in un isolato di case popolari di Craigmillar. Si passò le dita nervosa fra i capelli unti e scuri, localizzando e coprendo meccanicamente una grande chiazza pelata sul cocuzzolo della testa.
– Forza -, insistette Rebus. – La prima. Raccontaci.
Raccontaci perché nella “sauna”, cioè nella stanza degli interrogatori, c’era un altro agente dell’Investigativa, un certo Maclay, che Rebus conosceva poco. In realtà conosceva poco quasi tutti, lì a Craigmillar. Maclay se ne stava appoggiato alla parete, braccia conserte, occhi ridotti a due fessure, come una specie di macchina fuori servizio.
– L’ ho strangolata.
– Con cosa?
– Con un pezzo di corda.
– Dove l’avevi presa?
– In un negozio, non ricordo più dove.
Tre battiti cardiaci di pausa. – Poi cos’hai fatto?
– Dopo che era morta? – Shand si agitò sulla sedia. – L’ho spogliata e ho avuto un rapporto intimo con lei.”

L’incipit di Morte Grezza è stato suggerito da Popcorn & Macchine da scrivere

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1644 articoli: