Torna in libreria la coppia piacentina di giallisti Edgardo e Stefano e già dalla copertina ci mostrano la perfetta sineddoche della loro seconda fatica letteraria: su uno sfondo incendiario di un tramonto probabilmente ispanico, si muove appesantita da armi ed insegne una falange di soldati, in marcia verso un tempio, o comunque una vestigia romana. Chi li conduce? A quale impresa militare sono intenti?

Non resta che affrontare le oltre 600 pagine del romanzo (che si leggono in un sorso) per reincontrare con vivo piacere i due protagonisti di Fiorillo & DeBellis, già conosciuti ne Il diritto dei lupi, attorno alle cui spiccatissime personalità si dipana la vicenda. Torna Cicerone, il retore, il principe del foro che chiunque- come me- abbia frequentato il liceo classico, ha alternativamente odiato e amato, e nelle pagine di questi libri riesce a riappacificarcisi perché gli autori lo umanizzano, lo dipingono nelle sue parti vulnerabili, nelle sue paure professionali e nella sua vita privata così anomala, ove la moglie è una compagna a tutto tondo e non solo un orpello necessario, in controtendenza rispetto a quanto normalmente si legge del suo rapporto con Terenzia. E torna Tito Annio Tuscolano, ex centurione, ora al soldo di Marco Licinio Crasso, di mestiere riscossore e – quando serve- estorsore manopesante.  

I due spiccano nella narrazione che però, come gli autori hanno felicemente ricordato a Risolto Giallo, è un romanzo corale ove si snodano più storie, si riallacciano relazioni tra personaggi e si celebra il rito solenne della celebrazione dell’Urbe, ritratta in un momento in cui è povera, disordinata, la repubblica sta perdendo smalto a favore degli uomini forti, che poi la porterà al primo triumvirato ed al principato. Un periodo storico polveroso e faccendiere, ove germinano le faide e gli optimates sgomitano mentre altrove, nelle lande hispaniche, così lontane da Roma per mores e costumi, ribolle l’insoddisfazione, il tentativo di rivalsa e di riconquista. Ad agitarle, ma bolso e confinato come un colonnello Kurtz di conradiana memoria, sta Quinto Sertorio, nato a Norcia, comandante dell’esercito per la Repubblica romana, che a lungo resistette in quelle terre, fedele a Mario, contro gli attacchi sferratigli dai generali Metello Pio e Pompeo Magno.

E’ lui il cattivo della storia, l’antagonista, il villain… ma lo è davvero? A voi la sentenza, mentre Cicerone combatte con la sua gastrite, percorre la città sotto un sole cocente indossando la toga di lana grezza, e Tito lavora a modo suo per fronteggiare un complotto, tra loro splende lei, Flavia Polita, la carismatica lenona della suburra, la regina delle Erinni.

Compra su Amazon

Sconto di 1,05 EUR
La stagione delle Erinni
101 Recensioni
La stagione delle Erinni
  • De Bellis, Stefano (Autore)

Articolo protocollato da Alessia Sorgato

Alessia Sorgato, classe 1968, giornalista pubblicista e avvocato cassazionista. Si occupa di soggetti deboli, ossia di difesa di vittime, soprattutto di reati endo-famigliari e in tema ha scritto 12 libri tra cui Giù le mani dalle donne per Mondadori. Legge e recensisce gialli (e di alcuni effettua revisione giuridica così da risparmiarsi qualche licenza dello scrittore) perché almeno li, a volte, si fa giustizia.

Alessia Sorgato ha scritto 106 articoli: