Piccola eccezione, cari amici del Thriller Café, rispetto a ciò che vi serviamo di solito: il libro che recensiamo oggi non è un giallo, né un thriller, tantomeno un noir, tuttavia fa parte di una serie gialla molto amata, che ha acquistato grande popolarità grazie alla fortunata fiction Rai che ne è stata tratta. La serie in questione è scritta da Mariolina Venezia e vede come protagonista Imma Tataranni (nella fiction interpretata da Vanessa Scalera) e quella che recensiamo è un’uscita molto particolare, già a cominciare dal titolo: “Ecchecavolo. Il mondo secondo Imma Tataranni“, pubblicato da Einaudi lo scorso novembre.

Come anticipato, non si tratta di un giallo, questo libro non contiene un’indagine classica, sebbene non manchino alcuni riferimenti a casi risolti grazie alle intuizioni e alle indagini molto poco ortodosse della Tataranni. Ma allora che cos’è questo “Ecchecavolo“? È una sorta di Codex, una raccolta di leggi che va ad aggiungersi alla capillare, ma insufficiente normativa esistente. Sono leggi speciali, queste, perché varate da un legislatore altrettanto speciale: proprio lei, il Sostituto Procuratore più temuto e intransigente del Sud Italia. Eh sì, perché chi di noi, nello sbrigare le incombenze quotidiane, trovandosi davanti ostacoli, impedimenti e fastidi d’ogni sorta, non ha immaginato un mondo migliore, regolato da leggi diverse, con sanzioni e contrappassi esemplari? Ebbene, Imma non è il tipo che delega o aspetta che le cose si facciano da sole… lei applica assiduamente la regola ferrea del “Chi fa da sé fa per tre”, perciò, trovato l’ostacolo, fatta la legge e comminata pure la sanzione. E chi si è visto si è visto… Ecchecavolo!

“Insomma, dopo pranzo, quando se ne stava in poltrona con la palpebra calata a mezz’asta e la mandibola rilassata, c’era chi avrebbe potuto credere che stesse per sprofondare in un riposino pomeridiano di quelli dove uno si mette pure a russare, e lo senti dalla cucina.

O magari che stesse pensando al maresciallo Calogiuri, i cui occhi azzurri e le spalle muscolose le causavano non pochi turbamenti. In realtà, forse proprio perché non sapeva che pesci prendere con il bel sottoposto, Immacolata Tataranni detta Imma si immaginava un mondo fatto a modo suo. Dov’era lei a dettare le regole.

Nessuno lo sapeva, e pochi, pochissimi – probabilmente solo suo marito – lo immaginavano, ma ecco cosa stava facendo: leggiferava. Troppi, non si potevano ignorare, restavano i buchi della normativa in vigore, che con tutta la buona volontà non riusciva a coprire le infinite occorrenze della vita quotidiana, né tantomeno a raddrizzare la brutta piega che aveva preso il mondo.

Nel chiuso della sua calotta cranica, allora, si svolgeva un’intensa attività legislativa, spesso con tanto di votazioni, o addirittura referendum, perché non sempre la dottoressa Tataranni si trovava d’accordo con se stessa. E questo avrebbe dovuto essere garanzia della sua buona fede. Ma tanto la gente sparlava a prescindere”.

Non un giallo, dunque, né un trattato giuridico, tantomeno uno spocchioso esercizio di stile. “Ecchecavolo” è un pamphlet – un po’ commedia e un po’ sospiro di amara rassegnazione – di norme regolatrici dei piccoli fastidi e dei grandi mali della quotidianità, dalle battute che non fanno ridere agli impiegati che scaldano la sedia, dagli uomini che dicono “ti è piaciuto?” dopo un rapporto sessuale, al patentino per le donne in gravidanza… Considerazioni che, esattamente come facciamo tutti, Imma elabora mentre vive la sua vita, mentre si destreggia – bene o male – nel tran tran di ogni giorno. Il tutto reso, come al solito, con la verve espressiva e narrativa che chi ha letto i volumi precedenti della serie conosce bene e che tanto ci fa amare questa dottoressa Tataranni così tignosa, indigesta, difficile, eppure così tanto sopra le righe da risultare persino simpatica e così umana da sembrare quasi, vagamente, tenera.

Una raccomandazione: chi non abbia ancora letto i precedenti libri della serie non cominci da questo. Ci sono molti riferimenti a fatti accaduti in precedenza che potrebbero risultare spoiler, oltre che rendere difficile la comprensione di personaggi e contesti. Una piccola pausa dalle indagini, dunque, ed un’ottima trovata che ci permette di conoscere meglio Imma seguendola nel suo vivere e nei suoi pensieri.

La serie di Mariolina Venezia – poi trasposta nella fiction “Imma Tataranni, Sostituto Procuratore” – si compone dei libri: Come piante tra i sassi (2009), Maltempo (2013), Rione Serra Venerdì (2018), Via del Riscatto (2019) ed Ecchecavolo (2021), tutti pubblicati da Einaudi.

Sconto di 0,75 EUR
Ecchecavolo. Il mondo secondo Imma Tataranni
164 Recensioni
Ecchecavolo. Il mondo secondo Imma Tataranni
  • Editore: Einaudi
  • Autore: Mariolina Venezia