Il libro da noi non si sa ancora quando uscirà (si parla comunque di quest’anno, per Longanesi), ma intanto Cartoline di morte (Postcard Killers), tentativo di scrittura in due tra James Patterson e Liza Marklund, rischia di far nascere imbarazzo nella comunità degli scrittori thriller. La copertina svedese, come potete vedere, reca infatti per primo il nome della Marklund, contrariamente a quanto concordato e a quanto accadrà con la copertina americana (a fianco). E a Patterson la cosa non è andata giù.
Il vecchio James, abituato alle collaborazioni – molti dei suoi recenti titoli sono stati scritti in due – ma anche a vedersi sempre primo autore, appresa la notizia dal proprio agente si è lasciato andare a commenti tutt’altro che eleganti nei riguardi della collega. E a poco sono valse le concilianti parole dei suoi collaboratori che rimarcavano che sfondare in Svezia (dove Patterson è sostanzialmente poco conosciuto) avrebbe portato un bel po’ di altri quattrini nel portafogli già bello grosso dello scrittore.
Da parte sua la Marklund, interpellata a riguardo, ha glissato, preferendo parlare delle buone recensioni che il romanzo sta ottenendo nel suo paese (e che, guarda caso, sottolineano quasi tutte come lei abbia apportato una ventata di freschezza allo stantio Patterson, come osserva anche il noto quotidiano DN).
Ci saranno delle scuse, un’amicizia di facciata, o un’aperta ostilità in futuro? Lo vedremo forse all’uscita del libro negli Stati Uniti, prevista per il 16 agosto 2010…

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1644 articoli: