- Vota! -

12345
Loading...Loading...

Standing in Another Man’s Grave: Ian Rankin ripropone Rebus

| 7 giugno 2012 | 1 deposizione
Archiviato in Libri thriller in inglese | Etichettato con

Dopo cinque anni, Ian Rankin ci ha ripensato: a novembre 2012 torna nelle librerie dei paesi anglofoni l’ispettore Rebus, in una nuova avventura (la venticinquesima) intitolata Standing in Another Man’s Grave. Dopo la parola fine scritta in Partitura finale, romanzo che aveva ufficialmente decretato il pensionamento di uno dei personaggi più amati dai lettori di crime fiction d’Europa, quindi, arriva finalmente una nuova chance per il vecchio John Rebus, che tuttavia deve dividere il palcoscenico con Malcolm Fox, protagonista della nuova serie di Rankin, per ora giunta al secondo capitolo.
Riguardo al ritorno di Rebus, Rankin ha detto che “Sentivo che tra noi non era finita. Non se n’era mai andato via davvero, stava lavorando all’Unità Cold Case di Edinburgo. E sapevo di avere una storia perfetta per lui”.
E quindi rieccolo qua, in questo romanzo che prende il titolo da una canzone di Jackie Leven, cantautore scozzese fan di Rankin e quindi divenuto suo amico tanto da coinvolgerlo in una serie di show e apparizioni, prima che morisse nell’autunno del 2011. A lui Rankin ha dedicato questo libro che sono sicuro farà felice tanti lettori inglesi. E speriamo presto anche tanti italiani.

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, con la poco recondita ambizione di farlo diventare il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1453 articoli:

Una deposizione a “Standing in Another Man’s Grave: Ian Rankin ripropone Rebus”

  1. Il 3 ottobre 2012 adelaide ha dichiarato (senza subire minacce): · Rispondi

    Uao che bella notizia,ritorna il”mio” John Rebus ,speriamo che l’arrivo del libro anche qui in Italia non sia tanto lungo.

lascia la tua deposizione