Dopo aver segnalato il nuovo romanzo di Micheal Connelly (“The reversal“), oggi è la volta di Jeffery Deaver con The burning wire, che vede il ritorno in scena di Lincoln Rhyme in un caso sicuramente particolare: il killer a cui deve dare la caccia ammazza le proprie vittime utilizzando l’energia elettrica.
Quando un bus carico di passeggeri viene ridotto a un poltiglia di metallo incandescente dal calore dovuto a una tensione troppo alta, la polizia pensa a un attacco terroristico, ma Rhyme nutre dei dubbi. Assieme ad Amelia Sachs comincia a investigare, e mentre gli attentati si susseguono, conditi da lettere deliranti, la corsa contro il tempo si fa sempre più affannosa.
Le persone muoiono addirittura uccise dalla tastiera del proprio computer o da semplici lampade da tavolo. Tutta New York è presa dal panico.
Il criminologo tuttavia non può seguire il caso al cento percento: deve rivolgere le proprie attenzioni anche a un caso in Messico che vede coinvolto l’Orologiaio, l’unico killer che sia riuscito finora a sfuggirgli, e lo stress dovuto alla doppia consulenza rischia di pregiudicare irrimediabilmente la sua salute e di allontanare da lui i suoi alleati più fidati, proprio quando ne avrebbe più bisogno.
Riuscirà a chiudere le due partite senza dover pagare un prezzo troppo alto?
La risposta i lettori inglesi e americani, l’avranno a giugno. Qua in Italia, invece, ancora non si sa quando…

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1644 articoli: