L'uomo dagli occhi glauchiL’uomo dagli occhi glauchi è il nuovo romanzo di Patrizia Debicke che prende il titolo dall’omonimo quadro di Tiziano (noto anche come “Ritratto di giovane inglese”). La tela ritrae un giovane aristocratico di cui non si è mai accertata l’dentità. Che fosse il giovane Lord Templeton, figlioccio del potente duca di Norfolk? Nel libro, inviato in Italia per conto di quest’ultimo, il giovane resta folgorato dal pittore veneziano e gli chiede di fargli un ritratto. Ma in realtà la richiesta è anche un pretesto per nascondere il vero motivo del suo viaggio: da cattolico deciso a contrastare le follie senili di Enrico VIII, Lord Templeton vuole saggiare i rapporti con il papato e la Spagna all’indomani del concilio di Trento, nel momento di massima tensione fra cattolici e protestanti. E ben presto il giovane nobile scoprirà che le ragioni della fede e della politica non si fanno valere solo con le armi della diplomazia, ma anche con la violenza e l’inganno.

L’uomo dagli occhi glauchi, di Patrizia Debicke Van der Noot: acquistalo su Amazon!

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1647 articoli: