La collana I maestri del Thriller della Piemme è una di quelle che seguo con maggiore interesse, non fosse per il fatto che pubblica diversi pezzi da novanta del panorama internazionale. Questo mese uno dei due titoli proposti è “La ragazza di polvere”, di Micheal Connelly. Cronologicamente collocato dopo “Il poeta è tornato“, è uno dei pochi libri dell’autore californiano che ancora non ho letto e non credo me lo perderò. La trama del libro è la seguente:

La ragazza di polvere
Dopo tre anni di congedo dalla Polizia di Los Angeles, Harry Bosch è tornato al suo lavoro, l’istinto della caccia a fargli nuovamente da guida. Eppure questa volta l’indagine che gli è stata assegnata non è la solita corsa contro il tempo, perché il caso risale a parecchi anni prima e non è mai stato risolto. Rebecca Verloren, sedici anni, era scomparsa da casa e il suo corpo era stato ritrovato due giorni più tardi, con un foro di proiettile appena sopra il cuore. Grazie a tecnologie di cui all’epoca non si disponeva, Bosch rintraccia nuove prove con cui incastrare il presunto colpevole. Ma quando l’uomo viene misteriosamente ucciso, i giochi si riaprono. E la sensazione che le resistenze più forti alla soluzione del caso vengano proprio dal dipartimento di polizia mette Bosch in allarme: è appena rientrato ed è già di nuovo un personaggio scomodo. Ma spesso è la verità a essere scomoda.

Su IBS l’opera ha raccolto un punteggio medio di 3.89/5, su BOL un poco lusinghiero 3/5. Non ho letto i giudizi per non farmi influenzare, ma sicuramente proporrò una recensione del volume non appena l’avrò letto. Intanto, chi già l’ha provato che ne pensa? (senza spoilerare, eh!).


La ragazza di polvere, di Micheal Connelly: compralo su Amazon!

Ti è piaciuto l'articolo? Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email e riceverai comodamente tutti i nostri aggiornamenti con le novità, le anticipazioni e molto altro.

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1649 articoli: