La città perduta dei templariTra i thriller che al momento stanno riscuotendo più successo di vendita in Italia, La città perduta dei templari di C. M. Palov probabilmente era uno dei titoli meno pronosticabili. Ma non sempre sono i grossi nomi a dominare le scene e, autrice già apprezzata oltreoceano, la Palov con questo romanzo ha esordito in Italia con ottimi risultati.
The templar’s quest è un thriller sospeso tra storia e mistero, inserito in quel filone di cui Dan Brown e forse ancor più Steve Berry sono i punti di riferimento, e facente parte di una serie, quella di Caedmon Aisquith, di cui rappresenta il terzo e più recente episodio (Stones of fire e The templar’s code, i precedenti).
La trama vede al centro dell’intreccio il leggendario medaglione di Montségur, che il protagonista Finn McGuire ritrova in un’antica cappella siriana e il cui rinvenimento dà il via a una serie di omicidi a opera di gruppo di discendenti delle SS, noti come I Sette. Si tratta di uomini decisi a tutto pur di ottenere il prezioso ciondolo e del Santo Graal. Sulla loro strada si porrà Caedmon Aisquith, ex ufficiale del MI5 e studioso esperto di Cavalieri templari. Questi è certo che I Sette abbiano l’unico desiderio di ottenere il Santo Graal per far resuscitare il Terzo Reich. Si unisce quindi a Finn per giungere nel luogo in cui si trova la sacra reliquia prima del nemico e così salvare le sorti dell’umanità a rischio di nuovi genocidi.

Chiudiamo la segnalazione riportando che per il romanzo l’editore, Newton Compton, ha anche realizzato il booktrailer che trovate a seguire.

La città perduta dei templari, di C. M. Palov: acquistalo su Amazon!

Ti è piaciuto l'articolo? Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email e riceverai comodamente tutti i nostri aggiornamenti con le novità, le anticipazioni e molto altro.

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1650 articoli: