Il nome della rosa - serie TVNel presentarvi l’elenco delle serie tv thriller più attese nel 2019 abbiamo elencato anche Il nome della rosa, uno dei progetti sicuramente più interessanti da un lato e ambiziosi dall’altro, visto che ci si confronta con una delle migliori opere di uno scrittore di immenso talento e cultura quale è stato Umberto Eco.

Il nome della rosa è stato sia un immenso successo letterario a livello mondiale che, successivamente, un film che ottenne buoni riscontri in particolare a livello europeo, Ora è diventato una serie tv suddivisa in otto episodi da circa cinquanta minuti di durata ciascuno, tutti diretti da Giacomo Battiato.

La serie è stata girata in inglese e vanta un cast internazionale di buon spessore, con alcuni nomi di tutto rilievo quali John Turturro e Rupert Everett. Mancano ancora pochi giorni al suo debutto, con il primo episodio che sarà trasmesso da Rai 1 lunedì 4 marzo, con conclusione della serie lunedì 25 dello stesso mese.

La trama de Il nome della rosa

A riassumere in poche parole un capolavoro letterario di questa portata c’è sempre un po’ di timore, perché è inevitabile che dovremo tralasciare tanti particolari e dati importantissimi.

Il nome della rosa è stato pubblicato per la prima volta da Bompiani nel 1980 e strutturato in un prologo che narra di come l’autore si sia imbattuto nel manoscritto, delle sue ricerche e successiva sistemazione, e quindi nei sette giorni lungo i quali si dipana la vicenda.

Si tratta di un giallo storico ambientato nei giorni finali del novembre 1327 e che vede protagonisti il frate francescano (ed ex inquisitore) Guglielmo da Baskerville e il suo allievo Adso da Melk.
I due arrivano a un monastero benedettino nel quale si dovrebbe tenere un convegno fra francescani e delegati della curia papale avente come tema centrale il pauperismo, ma ben presto una serie di omicidi porterà l’abata a chiedere aiuto a Guglielmo.

Il frate, libero di aggirarsi come preferisce nel monastero insieme al suo “aiutante” si imbatterà in nuovi omicidi, ma mentre i cadaveri si accumulano Guglielmo si avvicina sempre di più alla verità e all’identità dell’assassino.

Essendo Il nome della rosa conosciuto in tutto il mondo, la produzione ha assicurato che la serie tv seguirà comunque un corso differente rispetto alle versioni precedenti, non ovviamente per quel che riguarda la linea narrativa principale, ma per alcune trame secondarie precedentemente non sviluppate.

Il cast de Il nome della rosa

Con oltre venticinque milioni di euro di budget, la serie tv de Il nome della rosa è un progetto ambizioso e la produzione si è potuta permettere nomi di tutto riguardo nel cast, sia per quel che riguarda gli attori italiani che quelli di altre nazionalità. Eccovi un elenco dei più importanti.

Il nome della rosa: cast italiano

Alessio Boni, Corrado Invernizzi, Fabrizio Bentivoglio, Maurizio Lombardi, Fausto Maria Sciarappa, Stefano Fresi, Max Malatesta, Andrea Bruschi, Greta Scarano, Guglielmo Favilla, Fabrizio Bentivoglio e Marco Pancrazi.

Il nome della rosa: cast internazionale

John Turturro, Rupert Everett, Damian Hardung, James Cosmo
Michael Emerson, Max Malatesta, Rinat Khismaouline, David Brandon, Roberto Herlitzka, Richard Sammel, Piotr Adamczyk e Benjamin Stender.

Grande attesa per alcuni dei volti più noti: Turturro interpreta Guglielmo da Baskerville, Alessio Boni è fra Dolcino, Everett veste i panni di Bernardo Gui e Adso da Melk, infine, sarà interpretato dal giovane Damian Hardung.

Giacomo Battiato, che ha contribuito anche in fase di sceneggiatura, è un regista attivo dai primi Anni Settanta, che a partire dal nuovo millennio è stato sempre più impegnato sul fronte televisivo.
La sceneggiatura è stata scritta da Andrea Porporati e Nigel Williams, con consigli e contributi anche da parte di Umberto Eco prima della sua scomparsa.

Il nome della rosa: dove e quando?

Quando andrà in onda Il nome della rosa? Lo potrete vedere a partire da lunedì 4 marzo 2019 su Rai 1 e sarà possibile anche recuperarne la visione su Rai Play.

Ti è piaciuto l'articolo? Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email e riceverai comodamente tutti i nostri aggiornamenti con le novità, le anticipazioni e molto altro.

Articolo protocollato da Elvezio Sciallis

Elvezio Sciallis è stato uno dei più attenti e profondi conoscitori di narrativa e cinema di genere horror. Ha collaborato per molti anni con La Tela Nera e con Thriller Café prima della sua tragica scomparsa nel maggio 2019.

Elvezio Sciallis ha scritto 245 articoli: