I dodici segni - Lee ChildDi Lee Child è un po’ che non ne parliamo, qui su Thriller Café, ed è una dimenticanza imperdonabile, anche perché Jack Reacher ci piace molto (come potete vedere da questo ritratto tracciato qualche tempo fa). Rimediamo in parte oggi, segnalando il suo romanzo più recente uscito in Italia: I dodici segni (titolo originale: Gone tomorrow), edito da Longanesi.

Manhattan, tre di notte. Un vagone della metropolitana semivuoto corre sotto la città. A bordo, Jack Reacher, l’eroe solitario che ha scelto una vita da vagabondo per le strade d’America, munito solo di un passaporto e di uno spazzolino da denti, un uomo che cerca di sfuggire i guai tanto quanto i guai cercano di raggiungere lui. Mentre cerca di ammazzare la noia del viaggio, Reacher nota qualcosa di strano nel comportamento di una delle passeggere. Tutto in lei sembra corrispondere alle caratteristiche elencate in un documento segreto stilato dai servizi segreti israeliani per individuare un terrorista suicida. Avvicinatosi alla presunta terrorista, Reacher si qualifica, mentendo, come poliziotto e le chiede di togliere lentamente la mano dalla borsa che tiene in grembo, ma invece del pulsante detonatore, la donna estrae una pistola e si suicida. Questa morte assurda e inspiegabile, l’intervento immediato di uomini del dipartimento di Stato e dell’FBI, nonché la rivelazione che la donna, Susan Mak, era un’impiegata del Pentagono, spingono Reacher, come sempre solo contro tutti, a voler vederci chiaro…

Se siete fan di Lee Child, è inutile che vi raccomandi di comprarlo; se invece non conoscete questo autore e il suo straordinario personaggio seriale, vi consiglio di provarlo: probabilmente, vi verrà voglia di leggere tutta la serie…

I dodici segni, di Lee Child: acquistalo su Amazon!

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1644 articoli: