Ahmed-Mourad-Polvere-di-diamanteDopo il buon esordio con Vertigo, ritroviamo in libreria in questi giorni l’egiziano Ahmed Mourad, che sempre per Marsilio pubblica il suo secondo romanzo: Polvere di diamante.
Ufficialmente fotografo della presidenza, Mourad cominciò a scriverlo in seguito alla caduta di Mubarak e alla conseguente sua forzata inattività lavorativa. E l’occhio del fotografo è ben evidente anche nei suoi libri, con la sua naturale tendenza a cogliere il dettaglio, la scena, l’atmosfera.
In Polvere di diamante ritroviamo questa sua capacità d’inquadratura che si unisce a un’attenta ricostruzione storica: il giallo, infatti, è ambientato tra gli anni cinquanta e il presente, con la vicenda che comincia nel 1954, anno in cui il presidente Muhammad Naguib viene esautorato da parte dei militari. E’ quanto è accaduto anche nel 2011 a Il Cairo, con la differenza che nel 2012 è stato il popolo a far partire la rivolta, e l’esercito lo ha seguito.
Protagonista è Taha, giovane della capitale che si divide tra turni di notte in farmacia e cura del padre che, dalla sua sedia a rotelle, passa il tempo a spiare la gente con il binocolo. Una mattina, rientrando in casa, Taha lo trova morto, assassinato. Le indagini non approdano a nulla e a lui non resta che cercare giustizia da sé. Addendrandosi nel lato più oscuro del Cairo, scopre non solo crudeltà e vizi di persone senza scrupoli, ma anche l’impegno e la passione di chi ancora spera di poter combattere la corruzione e il clientelismo che imperano in città. Persone come Sara, la vicina di casa bella e impossibile, giornalista a caccia di inchieste che colpiscano il malcostume, che apre una breccia nel suo cuore. Ma nelle loro investigazioni, Taha e Sara per vie diverse giungono entrambi alla oscura polvere di diamante, “il re dei veleni” che un tempo era diffusa tra i commercianti ebrei della città: una veleno che si insinua nel corpo come una serpe, invisibile, ma lentamente letale.

Polvere di diamante, del quale sono stati recentemente acquisiti i diritti cinematografici da una casa di produzione egiziana, è un giallo ma anche un romanzo che denuncia corruzione e abusi di un paese in una fase travagliata e sanguinosa; se l’idea di un libro che al genere unisca anche temi importanti come quello politico e sociale non vi dispiace, provate a leggere questa seconda opera di Ahmed Mourad.

Polvere di diamante, di Ahmed Mourad: acquistalo su Amazon!

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1644 articoli: