Articolo sponsorizzato; qui la nostra policy.

Il mondo dei gialli e dei thriller si arricchisce di una nuova voce con l’esordio di Alessandro Quadri di Cardano e il suo romanzo La verità non conta. Quest’opera solleva un interrogativo inquietante: potrebbe una pratica BDSM essere utilizzata come alibi per un omicidio? Attraverso un’intreccio di personaggi e narrazioni, l’autore ci offre una storia avvincente e innovativa.

La trama di La verità non conta ruota attorno alle motivazioni che hanno spinto Emilio Altieri, un noto uomo d’affari milanese, ad uccidere Abdel Ab, l’amante di sua moglie Stefania Martini, nonché sua socia. Sorpresi in flagrante adulterio, Emilio reagisce con violenza, convinto che Abdel stesse attaccando sessualmente la sua amata moglie. Ma Stefania, convinta che il marito fosse a conoscenza della loro relazione, lo accusa di omicidio premeditato.

Il compito di far luce sulla verità di ciò che è realmente accaduto spetta a Luca, il figlio di Emilio e Stefania. Dopo 12 anni, Luca viene finalmente a conoscenza del crimine in cui i suoi genitori furono coinvolti e si impegna a intervistare diversi testimoni chiave della vicenda. Ogni testimonianza ricevuta, unita alle altre, permette al giovane di ricostruire la complessa catena di eventi che hanno portato suo padre a commettere l’omicidio. Tuttavia, la verità si rivelerà un concetto sfuggente e soggettivo in questo romanzo, in cui le apparenze possono ingannare.

L’opera di Alessandro Quadri di Cardano, disponibile su piattaforme come Amazon, IBS e NEP Edizioni, rappresenta il primo capitolo di una carriera letteraria che speriamo promettente. Nato nel 1980 a Bologna da genitori italiano e belga, l’autore è cresciuto in un ambiente multiculturale che ha forgiato il suo interesse per la cultura e la scrittura. Dopo aver conseguito la laurea in “Scienze internazionali e diplomatiche” presso l’Università di Bologna, ha continuato i suoi studi al Collegio d’Europa di Bruges, ottenendo un Master in “Studi Europei”. Quadri di Cardano ha vissuto per diversi anni a Bruxelles, lavorando in varie istituzioni europee, prima di trasferirsi in Spagna nel 2017, dove attualmente si occupa di questioni finanziarie presso l’Ufficio Europeo di Proprietà Intellettuale (EUIPO).

La passione per la cultura e la letteratura ha accompagnato l’autore sin da giovane, con una predilezione per opere di letteratura italiana e straniera che spesso legge nella loro versione originale, grazie alla sua padronanza di quattro lingue. La verità non conta rappresenta il risultato di questo amore per la scrittura e la lettura, segnando l’inizio di un nuovo talento nel panorama letterario.

Estratti

Emilio rimase a contemplare quella scena per alcuni secondi, mentre sua moglie piangeva, stringendo al petto il cadavere del suo amante. Poi, senza proferire una parola, scese al piano di sotto e si sedette sul divano, come ipnotizzato. Fu lì che lo trovarono i carabinieri, quando arrivarono sul posto poco più tardi: seduto sul divano, la pistola sulle ginocchia, lo sguardo perso nel nulla.

p. 17

Forse avevano smesso di fare l’amore quando avevano smesso di viaggiare, o forse il contrario, chissà. Emilio aveva cercato di identificare il momento esatto in cui il loro rapporto, quasi idilliaco, si era guastato, ma non c’era riuscito. Forse perché un momento preciso non c’era stato. Forse vi erano stati piuttosto una serie di eventi. La prima volta che si erano addormentati arrabbiati senza aver fatto pace; quando lui aveva finto di essere stanco per non fare l’amore con lei, perché in fondo aveva voglia d’altro; la sera che lei se ne andò a dormire nell’altra camera perché Emilio aveva bevuto troppo e russava… Tutte quelle prime volte che avevano creato un precedente e tutti quei precedenti che avevano legittimato l’instaurarsi di un comportamento che era poi diventato un’abitudine. E così si erano ritrovati come una noce di cocco a cui sia stata tolta pian piano tutta la polpa, fino a lasciare solo un guscio, duro fuori e vuoto dentro.

p. 23

Tutte quelle domande giravano incessantemente nella testa di Luca, che cercava invano di distrarsi leggendo un libro, ma senza riuscire a restare concentrato per più di due minuti. Si ritrovava a ripensare a tutta quella vicenda, a porsi sempre e di continuo le stesse domande: perché la mamma aveva pensato che papà sapesse della sua relazione? Veramente lui aveva deciso di uccidere il rivale? Che avesse pianificato di uccidere anche lei? E Luca? Che avesse voluto fare una strage e poi suicidarsi? La sua mente era invasa da troppe domande e sapeva istintivamente che queste non sarebbero mai scomparse se non avesse trovato delle risposte. Doveva scoprire cos’era realmente successo quella sera. Doveva sapere. Ecco cosa doveva fare: doveva scoprire la verità! Era un aspirante giornalista e quella era la storia più importante sulla quale avrebbe mai indagato.

p. 78

Più Luca cercava di trovare delle risposte e più la matassa si aggrovigliava. Domande senza risposta si accumulavano le une sulle altre. Luca aveva bisogno di sapere, di capire chi fossero stati veramente i propri genitori e cosa fosse successo tra di loro. Aveva bisogno di sapere come avesse fatto una famiglia felice e di successo a ritrovarsi divisa dal tradimento e dalla menzogna.

p. 98

Ti è piaciuto l'articolo? Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email e riceverai comodamente tutti i nostri aggiornamenti con le novità, le anticipazioni e molto altro.

Compra su Amazon

Sconto di 0,90 EUR
La verità non conta
39 Recensioni
La verità non conta
  • Quadri di Cardano, Alessandro (Autore)

Articolo protocollato da Redazione

All'account redazione sono assegnati gli articoli scritti da collaboratori occasionali del sito: poche apparizioni, ma stessa qualità degli altri.

Redazione ha scritto 594 articoli: