La taverna degli assassini - Marcello Simoni

Anno del Signore 1793, Granducato di Toscana. Dopo una copiosa nevicata, il fattore mastro Cecco dell’Otre si aggira, con il suo cane Niffo, nei vitigni del barone Calendimarca preoccupato che la coltre bianca possa rovinare la futura vendemmia.

«Insomma, cosa ti è preso?», gli si avvicinò mastro dell’Otre. «Hai fiutato una lepre? Una pernice?». Ma seguendo lo sguardo del cane, capì di essersi ingannato. Non era stato l’odore di selvaggina ad aver catturato l’attenzione di Niffo, bensì un vite alta, bianca e nodosa che si ergeva in mezzo alle altre come una croce fatta di ossa. Meravigliato dalle proporzioni abnormi di quella vite, e assolutamente certo di non aver mai visto prima d’allora, in quel luogo, una pianta del genere, mastro dell’Otre prese a studiarla più da vicino, notando all’improvviso che, impigliata sotto il groviglio dei tralci, c’era una sagoma scura.

La scoperta di mastro dell’Otre rivelerà un tragico fatto: i vitigni del barone sono teatro di un efferato omicidio. Toccherà al precettore Vitale Federici, insieme al suo devoto discepolo Bernardo della Vipera, indagare su questo e altri fatti delittuosi portando così alla luce misteri, inganni e antiche passioni che si nascondono tra le sontuose stanze del maniero e la ricca e splendida cantina…

Marcello Simoni, giallista storico molto apprezzato, si cimenta qui con un periodo per lui quasi inedito: il ‘700 e il post Rivoluzione Francese.

La taverna degli assassini è ascrivibile al giallo classico e di quest’ultimo si ritrovano in abbondanza stilemi e peculiarità che vanno dall’indagine deduttiva al finale alla Poirot.

I personaggi di Vitale Federici e di Bernardo della Vipera ricordano alcune coppie celebri del romanzo giallo e il loro disquisire di filosofia, miti e leggende, è il modo in cui Simoni ci fa comprendere i ragionamenti sottesi.

Il romanzo è un insidioso gioco di apparenze che richiama il mito della caverna di Platone… «È un mito riportato nella Repubblica di Platone», lo accontentò Bernardo. «Parla di alcune persone costrette  a vivere fin dalla nascita dentro una spelonca, e ad avere conoscenza del mondo esterno soltanto attraverso le ombre proiettate dalla luce del sole su una parete verso la quale esse tengono costantemente rivolto lo sguardo. Le ombre però sono deformi, e chi le osserva ignora quanto siano diverse dagli oggetti reali alle quali corrispondono». «Questo è il mito. Ma in allegoria, cosa intendeva Platone?» «Che i sensi ci possono ingannare», rispose Bernardo. «E che la mente, per scoprire la verità, deve saper guardare al di là di quanto vedano i nostri occhi e odano le nostre orecchie».

I dialoghi, arricchiti con modi di dire tipici toscani, sono appropriati, divertenti e stuzzicanti.

In conclusione, La taverna degli assassini è una lettura piacevole e coinvolgente, arricchita dai disegni dell’autore.

Marcello Simoni nasce a Comacchio, in provincia di Ferrara, nel 1975.

Ex archeologo e bibliotecario, laureato in Lettere, ha pubblicato diversi saggi storici.

Con Il mercante di libri maledetti, suo romanzo d’esordio, è stato per oltre un anno in testa alle classifiche e ha vinto il 60° Premio Bancarella. Ha vinto inoltre il Premio Stampa Ferrara, il Premio Salgari, il Premio Il corsaro nero e il Premio Jean Coste.

‘La saga del Mercante di libri’ ha consacrato Marcello Simoni come autore culto di gialli storici: i diritti di traduzione sono stati acquistati in venti Paesi.

Con La taverna degli assassini (Newton Compton, 2023), dà vita a un nuovo personaggio (che speriamo seriale): Vitale Federici.

Compra su Amazon

Sconto di 0,50 EUR
La taverna degli assassini. Un’indagine di Vitale Federici
544 Recensioni

Articolo protocollato da Luisa Ferrero

Mi chiamo Luisa Ferrero, sono nata a Torino e vivo a Torino. Dopo una laurea in Materie Letterarie ho ricoperto il ruolo, per tre anni, di assistente ricercatore presso l’Università degli Studi di Torino e ho poi, successivamente, insegnato nella scuola per oltre trent’anni. Divoro libri di ogni genere anche se ho una predilezione per i gialli, i thriller e i noir. Le altre mie passioni sono: il cinema, il teatro, il mare, la mia gatta e la compagnia degli amici... Di recente mi sono approcciata anche alla scrittura partecipando a numerosi corsi di scrittura creativa. Il mio racconto giallo "Un, due, tre… stella!" è stato inserito nell’antologia crime "Dieci piccoli colpi di lama" - Morellini Editore (luglio 2022) e il mio romanzo d’esordio "Cicatrici", finalista alla quinta edizione del concorso "1 giallo x 1000", è stato pubblicato il 31 marzo 2023 da 0111 Edizioni. Ah, dimenticavo... dal 2016 sono non vedente ma questo, in realtà, non è un problema in quanto per dirla come Antoine de Saint-Exupéry "l’essenziale è invisibile agli occhi".

Luisa Ferrero ha scritto 112 articoli:

Libri della serie "Vitale Federici"

La taverna degli assassini – Marcello Simoni

La taverna degli assassini – Marcello Simoni

Anno del Signore 1793, Granducato di Toscana. Dopo una copiosa nevicata, il fattore mastro Cecco dell’Otre si aggira, con il suo cane Niffo, nei vitigni del barone Calendimarca preoccupato che la coltre bianca possa rovinare […]