I confini del nullaArrivato in Italia nel 2012 con Niceville, ritroviamo in questi giorni in libreria Carsten Stroud, con I confini del nulla, anch’esso edito come il libro precedente da Longanesi. Titolo originale The homecoming, si tratta del secondo volume della serie, uscito a inizio 2013 sul mercato anglofono. Il protagonista è quindi ancora una volta il detective della omicidi Nick Kavanaugh, forestiero che in questa piccola e apparentemente idilliaca cittadina del sud degli Stati Uniti vive e lavora per amore della moglie Kate Walker. Si sente fuori luogo a Niceville, Nick, e il paese da cartolina è teatro di eventi non solo efferati ma anche inspiegabili. Accanto a rapine in banca finite in strage, vendette, ricatti, crimini odiosi però alla portata della mente umana, c’è per esempio Rainey Teague, ragazzo rimasto orfano in modo brutale, e ora mosso da un’energia oscura e implacabile. Come tanti altri, qui a Niceville, dove le persone spariscono placidamente senza lasciare tracce. E dove ogni famiglia custodisce un segreto che mormora dai confini del nulla.

Se il primo romanzo della (così pare) trilogia è stato accolto in maniera piuttosto controversa, con giudizi oscillanti tra il pessimo e l’ottimo per attestarsi mediamente sul sufficiente, I confini della nulla sul mercato americano ha convinto molto più che il precedente capitolo, in parte perché probabilmente i delusi dal primo volume ne sono rimasti alla larga, e in parte perché dopo due libri è più facile orientarsi tra i personaggi e mettere a posto i tasselli del puzzle. Di sicuro vi sconsigliamo di comprarlo senza aver letto il precedente: passate prima da Niceville e quindi proseguite. E’ probabile che letti in rapida successione apprezzerete meglio entrambi.

I confini del nulla, di Carsten Stroud: acquistalo su Amazon!

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1644 articoli: