frances fyfieldContinua oggi l’appuntamento coi grandi premi letterari internazionali: è la volta dei Daggers Award, assegnati dalla Crime Writers’ Association.

Il Gold Dagger (rinominato dal 2006 Duncan Lawrie, per via della sponsorizzazione della banca omonima) è andato a Frances Fyfield, per il suo Blood From Stone, e con esso il congruo assegno da 20mila sterline.

L’International Dagger per la migliore opera tradotta in inglese è stato assegnato invece al francese Dominique Manotti, per il romanzo dal titolo “Lorraine Connection”.

Per le altre categorie, rimando alla pagina ufficiale dei premi, tuttavia voglio evidenziare la presenza di una categoria per lavori non ancora pubblicati, il Debut Dagger: al vincitore, oltre a 500 sterline, la possibilità di essere notato da importanti editori e agenti letterari, il che non è affatto poco. In bocca al lupo quindi ad Amer Anwar, vincitore quest’anno: chissà che il suo “Western Fringes” non sbarchi presto in libreria.

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1648 articoli: