assassini di sbirriConsiderato uno dei padri del neo-polar assieme a Manchette e Vautrin, Frédéric H. Fajardie arriva anche in Italia con il suo primo romanzo, Assassini di sbirri, pubblicato da Aisara. Su Liberi di scrivere un paio di mesi fa è stata pubblicata una bella recensione (che vi consiglio di leggere), e di sé l’autore dice: “Mio padre veniva dalla borghesia, mia madre dalla classe operaia, entrambi erano antifascisti. Anch’io sono un meticcio sociale, e questo è buono per uno scrittore, perché si possiedono due punti di vista differenti”. Devo dire che sono rimasto incuriosito: quantomeno, questo libro dovevo segnalarvelo…
Se v’interessa, eccovi la trama:

Dopo uno scontro coi suoi superiori a Parigi, il commissario Tonio Padovani rischia di essere messo all’angolo per le sue idee progressiste, ma non esita a ricattare la gerarchia pur di rimanere al suo posto fino alla cattura degli “assassini di sbirri”. Durante i loro riti-omicidio, quasi ispirati da una “giustizia” mistica, il sanguinari killer che uccidono con raffinata efferatezza poliziotti e uomini politici, indossano travestimenti simbolici che li aiutano a restare nell’anonimato e a sfuggire alla polizia. Ma Padovani saprà scovarli e ingaggiare con loro una vera e propria guerriglia, al termine della quale forse abbandonerà la polizia o deciderà di rimanere al suo posto, scomodo ma necessario.

Assassini di sbirri, di Frédéric H. Fajardie: acquistalo su Amazon!

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1644 articoli: