«Cos’è, soprattutto, la mafia? Controllo pervasivo del territorio e di tutte le attività economiche, lecite e illecite, che si svolgono al suo interno. Bene, lo stato non vuole lasciare il controllo illecito nelle mani esclusive di terzi, ma vuole partecipare, sapere e controllare a sua volta. Non può limitarsi a fare la guerra alle cosche ma, in una certa misura, vuole dominarle dall’interno. Meglio, molto meglio, creare strutture non ufficiali né conformi, che si muovono da player mafiosi a pieno titolo. Una sorta di partecipazione pubblica segreta.»

Non è semplice parlare di mafia in Sicilia senza sembrare stucchevoli; raccontare di commissari come esseri umani imperfetti senza diventare la brutta copia o la parodia del commissario Montalbano, sebbene l’ispirazione – non sappiamo nelle intenzioni, ma di certo nel risultato – sembri quella. Eppure Aspetta Mezzanotte di Luciano Modica riesce a farlo: l’autore affronta un tema delicato come la mafia al quale aggiunge l’argomento altrettanto scivoloso dell’immigrazione, che in effetti è inscindibile dalla criminalità organizzata.

Questo romanzo, però, non è solo o soprattutto un thriller che narra come le bande criminali si contendano il controllo del territorio; della manodopera a basso costo rappresentata dagli immigrati clandestini; di come lo Stato tante volte riesca a fare ben poco per riportare l’ordine dove egli stesso, in primo luogo, ha lasciato che fiorisse il disordine. Prima di tutto, Aspetta Mezzanotte è la vicenda di Mauro, un uomo onesto ma stanco del suo lavoro, che cerca di allietare le sue giornate fra monotonia e senso di inutilità (amministra temporaneamente imprese sequestrate alla mafia) fantasticando sulle persone che incontra, in particolare sulle donne. Fantasie sessuali innocenti, o forse no: finché rimangono tali non creano problemi ma quando varcano il Rubicone del desiderio fisico e urlano per essere concretizzate… Come resistere e difendersi?

Il problema principale di Mauro, infatti, non è capire come l’azienda agricola che deve amministrare sia finita nelle mani della mafia, quali siano le piste da seguire, gli attori da incriminare. La sfida che deve affrontare è resistere al fascino delle donne che incontra, che più o meno volontariamente lo privano della capacità di giudizio e dirottano il sangue dal cervello a tutt’altri organi. In questi frangenti, il racconto è piacevolmente leggero e s’instaura un contrasto gradevole fra la linea “sentimentale”, quasi comica, e il lavoro d’indagine. Ma un contrasto ancora più forte emerge fra le due prospettive dalle quali tutta la storia è raccontata. La prima è appunto quella di Mauro, narrata in prima persona; la seconda è quella di Rashid, clandestino che lavora in nero per l’azienda che Mauro sta gestendo. Dei brevi intermezzi ben distinti, fra un capitolo e l’altro, ci mostrano in modo molto delicato, sussurrato, il quotidiano pieno di paure e speranze di Rashid, stretto tra lo sfruttamento, la sussistenza e il bisogno di badare alla sua famiglia lontana, che spera possa raggiungerlo in Italia.

Pagina dopo pagina, Aspetta mezzanotte intreccia sempre di più l’ordito e ci mette davanti a continui capovolgimenti di fronte, senza però disorientarci. Rapporti di forza tra protagonisti e personaggi secondari che spesso mutano, bugie credibili che si scoprono solo quando l’ennesima morte rivela i piani di chi aveva mentito. Se a una lettura veloce o casuale, per conciliare il sonno, qualcosa può sfuggire, soffermandosi sui particolari si recupera il senso di una storia affascinante, soprattutto per il modo in cui finisce.

Recensione di Paolo Ottomano.

Sconto di 1,05 EUR
Aspetta mezzanotte
15 Recensioni
Aspetta mezzanotte
  • Editore: Marsilio
  • Autore: Luciano Modica