Wulf DornDopo avere recentemente recensito Presenza oscura, Marina Belli ha rivolto alcune interessanti domande al suo autore, Wulf Dorn. Ecco quello che si sono detti.

[Thriller Café]: Salve Wulf, benvenuto al Thriller Café. Dopo tanti libri di successo, chi è Wulf Dorn oggi?

[Wulf Dorn]: Ciao Marina, grazie mille per l’invito al vostro Thriller Café. Thriller e caffè, certamente un ottimo abbinamento. Be’, chi sono oggi? Credo di essere ancora lo stesso ragazzo di sempre. Si spera un po’ più saggio di quando ho scritto La psichiatra, sicuramente più esperto, con più rughe e capelli più grigi. Ma mi piace ancora il mio caffè forte e nero 🙂

[TC]: Ho letto che fin da piccolo amavi le storie: le fiabe della tradizione tedesca sono spesso molto oscure e con una componente horror, pensi che questo abbia influenzato la tua scrittura?

[WD]: Oh sì, alcune delle fiabe tedesche sono molto oscure! Se si leggono i fratelli Grimm con gli occhi di un adulto, le loro storie sono in realtà storie dell’orrore. Basta pensare alla strega cannibale in Hansel e Gretel o la matrigna di Biancaneve che è stata torturata alla fine quando ha dovuto ballare con le scarpe bruciate. Da non dimenticare La ragazza delle oche che stava parlando con il suo cavallo decapitato. Cavolo, mi sono spaventato a morte quando ero piccolo! Pertanto penso che tali impressioni avrebbero potuto avere un’influenza sulla mia scrittura successiva. Forse perché queste scene sono sempre state entrambe le cose per me, spaventose e affascinanti in modo macabro.

[TC]: Ancora una volta il protagonista del tuo romanzo è un’adolescente: qual è l’aspetto più interessante di questa fase, dal tuo punto di vista di scrittore?

[WD]: Da adolescente facciamo esperienze per la prima volta. Abbiamo un approccio innocente e a volte meravigliante alle cose nuove. I bambini vedono cose con occhi diversi, a volte anche più chiari di un adulto che pensa di sapere già tutto. E dato che Presenza Oscura è tutta una questione di morte e di morte – un problema per cui non abbiamo ancora tutte le risposte – ho pensato che sarebbe stato interessante esplorarlo dal punto di vista di un adolescente. Perché a quell’età non pensiamo alla nostra mortalità. Siamo concentrati sulla vita e su ciò che ha in serbo per noi. Sperimentare la morte attraverso gli occhi di una ragazza giovane ha creato un sacco di potenziale di conflitto. E il conflitto è ciò che gli scrittori amano, perché è il motore di una storia.

[TC]: Affronti in modo diverso la costruzione di un protagonista femminile?

[WD]: All’inizio non penso molto al genere dei miei protagonisti, ma al mio istinto. Per questa storia ho voluto un protagonista che sembrasse vulnerabile all’inizio e poi crescesse in forza fino a che quel personaggio superasse se stesso o se stessa. Nikka sembrava essere la scelta migliore, perché in qualche modo è sensibile e tremendamente forte. Credo che questo funzioni ancora meglio con un personaggio femminile. Forse perché gli uomini pensano che le donne siano più vulnerabili di loro e hanno bisogno della loro protezione, ma in realtà possono essere molto più  forti di noi. Pensa solo al fatto che nessun uomo potrebbe sopportare il dolore di partorire. Be’, le donne possono e amano ancora il bambino che gli ha causato così tanto dolore fisico. Così ho creato il curriculum vitae di Nikka, ho cercato di scoprire le sue speranze e paure e ciò che le piace e non le piace. Durante il processo di scrittura mi sono sentito come un attore che scivola nella pelle di qualcun altro, come ho fatto una volta con Doro in Il mio cuore cattivo. E dopo un po’ era come se Nikka fosse viva e mi raccontasse la sua storia. Potrebbe sembrare strano, ma mi piace molto questo tipo di processo creativo, quando alla fine un personaggio immaginario mi dice cosa succede e ho appena scritto. E’ per questo che preferisco scrivere di personaggi principali femminili in prima persona.

[TC]: La prima parte del romanzo, quando Nikka muore, è ambientata durante la festa di Halloween, ed è di fortissimo impatto. E’ come se le maschere nascondessero l’individualità di questi adolescenti, che sembra quasi prendano vita attraverso i loro profili social sui quali postano selfie e video. E ancora, nella scena in cui Nikka muore tutti sembrano più interessati a fare video che a quello che sta succedendo. Credi che i social siano il nuovo “lato oscuro” della società contemporanea?

[WD]: Ci nascondiamo tutti dietro le maschere, non importa se siamo al lavoro, in metropolitana, in un ristorante, con amici o a una festa di famiglia. Ogni volta che siamo con gli altri giochiamo a ruoli sociali. Siamo il capo o l’impiegato, l’ospite o il cliente, il marito o il padre o il figlio dei nostri genitori. E’ naturale ed è sempre stato così. Ma visto che ci sono i social media, potremmo vedere un po’ più chiaramente cosa c’è dietro quelle maschere. Ciò che le persone scrivono o mostrano nei loro profili può dire molto di più su di loro di quanto possano pensare. Per esempio, se vedo solo selfie di qualcuno, mi chiedo perché non ci sia nessun altro che faccia foto a questa persona. Quindi, forse questo volto sorridente nel selfie in realtà cerca di nascondere la sua solitudine e desidera l’attenzione. E naturalmente ci sono alcuni post con righe che qualcuno potrebbe non aver mai detto se lui o lei non avesse avuto l’impressione (sbagliata) che siamo tutti anonimi nel web. Pertanto, credo che questa visione dietro le maschere nei social media offre un sacco di roba molto interessante per gli studi sociologici.

[TC]: Nella colonna sonora del romanzo si rende omaggio ad alcuni gruppi di culto del passato: Wall of voodoo, Cure, Linkin Park: corrispondono ai tuoi gusti musicali?

[WD]: Assolutamente. Sono sempre stato nel Rock, nel Punk e nell’Indie Rock e Pop, e soprattutto sono ancora un Goth dentro; mentre scrivevo Presenza Oscura ascoltavo molto The birth Massacre, perché pensavo che questo potesse essere uno dei gruppi preferiti di Nikka.

[TC]: Il tema centrale del romanzo è la possibilità di una vita dopo la morte, un tema che è ancora tabù in molte culture. Come ti sei documentato per affrontare la cosa?

[WD]: Un giorno arriveremo tutti a un punto in cui dovremo affrontare la nostra mortalità. Forse quando sentiamo che il nostro corpo non funziona più come quando eravamo giovani – o quando parliamo con i giovani di gruppi rock che erano trendy molti anni fa. Il mio momento personale è stato dopo un intervento meniscale non molto tempo fa. Ho avuto una trombosi e il mio dottore l’ha capito all’ultimo momento. Mi ha salvato la vita e dopo mi è stato chiaro quanto siamo vicini alla morte. Ogni giorno della nostra vita è un dono e il nostro tempo può esaurirsi il momento dopo. Non è un pensiero molto piacevole, lo so. E’ per questo che tutti evitiamo questo tipo di pensieri. Tuttavia, la conoscenza della nostra mortalità può anche essere un aiuto per avere una vita migliore. Perchè mi ha reso più consapevole di quanto sia importante vivere ora e qui e fare le cose che voglio fare. Non dovremmo procrastinare i piani per le nostre vite, perché non sappiamo quanto tempo ci rimane per loro. E da persona che pensa in modo più scientifico che spirituale, non credo davvero in un Aldilà. Tuttavia, sarebbe bello se qualcosa di noi rimanesse dopo la nostra morte. Almeno spero che sia un ricordo amorevole di noi nei cuori dei nostri cari.

[TC]: Le presenze che Nikka incontra sono spaventose, eppure ispirano sentimenti di tristezza ed empatia. Sei d’accordo con questa interpretazione?

[WD]: Certo. Niente è solo male per natura, c’è sempre qualcosa di buono in tutto. E se guardiamo più da vicino i compagni oscuri di Nikka, sicuramente capiremo cosa stanno realmente cercando.

[TC]: Hai scelto di affidare il tema della morte e dell’aldilà a un protagonista adolescente, e quindi a una persona che vive un periodo di auto-costruzione e di espansione verso la vita: una scelta forte, quasi contraddittoria. Come mai hai deciso di raccontare questa storia attraverso un sedicenne e non attraverso un personaggio adulto?

[WD]: Come ho detto prima, è stato il potenziale di conflitto a scatenare tale decisione. Credo che il romanzo avrebbe avuto una storia completamente diversa se avessi scelto un protagonista adulto. Forse sarebbe diventato un approccio più razionale e scientifico a quello che era successo e quindi credo che la storia non sarebbe diventata così intensa. Se qualcuno della mia età muore, si può pensare: “Ok, è ancora troppo presto, ma almeno ha avuto il tempo di vivere.” E’ una storia completamente diversa quando sentiamo che una ragazza o un ragazzo è morto – soprattutto quando quel giovane è stato ucciso.

[TC]: Senza rivelare nulla della trama, il mito del Doppelgänger ritorna in Presenza oscura. Per affrontare questo aspetto, ha fatto più riferimento ai miti letterari, alla psicoanalisi o alla sua esperienza diretta in una clinica psichiatrica?

[WD]: In realtà era il mio modo di mostrare come due persone, che hanno molto in comune, possono avere approcci completamente diversi alla vita. Uno vede sempre il bicchiere mezzo pieno, l’altro sempre mezzo vuoto. Ogni giorno incontro persone che si lamentano di questo e di quello. Persone che non sono mai soddisfatte di ciò che hanno e che sono invidiose di altri. Persone che pensano che sarebbero più felici, se avessero di più. Ma sai una cosa? Anche se quella gente ottenesse quello che vuole, allora non sarebbe più felice. Perché vorranno sempre di più. Pertanto, il riferimento al Doppelgänger è stato in realtà il mio modo di dire: apprezziamo ciò che abbiamo e facciamo del nostro meglio.

[TC]: Presenza oscura è anche una grande storia di amicizia, quasi un romanzo di formazione.

[WD]: Grazie! Sì, credo che l’amore, la famiglia e l’amicizia siano i tesori più preziosi della vita.

[TC]: Arriviamo alla fine del romanzo: l’acqua è un forte elemento simbolico legato alla nascita e alla vita, eppure è attraverso l’acqua che Nikka trova il modo di tornare al luogo oscuro e salvare Zoe. Come mai questa scelta?

[WD]: Be’, mi piace giocare con i simboli nelle mie storie. In realtà, l’acqua è sinonimo di vita e ogni volta che i miei protagonisti affrontano che sono vivi ci sono dei liquidi nella scena. Un bicchiere d’acqua, per esempio. E in quella scena speciale che hai menzionato, volevo mostrare che Nikka è ancora circondata dalla vita mentre cerca di scoprire la verità su Zoe e il posto Oscuro. Sembra abbastanza criptico, lo so, ma non voglio rivelare troppo della storia 😉

[TC]: Si è letto in passato di possibili trasposizioni cinematografiche dei tuoi romanzi e in Presenza Oscura rendi omaggio a grandi cult del passato. Se potessi scegliere tra registi presenti e passati, chi sarebbe il tuo regista ideale?

[WD]: Be’, non direi di no se Dario Argento mi dicesse che vorrebbe collaborare con David Lynch per un adattamento di Presenza Oscura!

[TC]: Hai già un progetto per il prossimo romanzo?

[WD]: Spero che i miei lettori saranno felici di sapere che attualmente sto passando molto tempo con Mark Behrendt a Fahlenberg. Perché ci sono ancora alcune domande da Phobia e la storia di La Psichiatra non è ancora finita…

[TC]: (e come sta il tuo gatto?)

[WD]: Sta russando su un cuscino vicino alla mia scrivania mentre chiacchiero con te.

[TC]: Grazie per essere venuto al Thriller Café per un drink letterario.

[WD]: Il piacere è stato tutto mio! Grazie mille per la conversazione. Spero che avremo di nuovo un Café virtuale quando il prossimo libro sarà uscito. Fino ad allora auguro tutto il meglio a voi e ai vostri lettori!

Sconto di 2,93 EUR
Presenza oscura
36 Recensioni