torna a casaEra il 1995 quando una ben poco conosciuta Lisa Scottoline si aggiudicava l’Edgar Award con il suo secondo romanzo, dal titolo Final appeal. Quasi vent’anni dopo, e molto più nota di allora, l’autrice di Philadelphia continua a sfornare romanzi che puntualmente diventano best sellers, e uno dei più recenti lo troviamo in questi giorni anche nelle librerie italiane. Si tratta di Torna a casa (titolo originale Come home), che negli Stati Uniti è arrivato fino al quarto posto della classifica di vendite del New York Times.
Si tratta di una storia stand-alone, fuori dalla storica serie Rosato & Associates, e ha per protagonista Jill, quarantenne sul punto di sposare finalmente l’uomo giusto, Sam, dopo diversi matrimoni falliti e con una figlia ormai adolescente, Megan. Quando però la felicità sembra a portata di mano, proprio davanti la porta della sua villetta si presenta barcollando una ragazza che lei conosce bene: è Abby, la figlioccia a cui a fatto da madre quando è stata sposata col padre, William, secondo marito. La giovane, nonostante le loro vite si fossero ormai separate col divorzio, è corsa da lei perché è solo di lei che si può fidare. Suo padre è morto, assassinato. E così Jill si lancia in un’indagine privata che la allontana progressivamente dalla tranquillità a cui stava appena avvicinandosi. Per aiutare Abby, metterà a repentaglio la sua famiglia, il rapporto con Sam e l’incolumità di sua figlia Megan.

Con traduzione di Levantini e Bottali, Torna a casa in Italia è edito da Fazi a circa due anni di distanza dall’edizione originale. Un romanzo che esplora la definizione di istinto materno. Quando si smette di essere madre? Si può avere un’ex-figlia? Quali sono i limiti dell’amore per la famiglia?

Torna a casa di Lisa Scottoline: acquistalo su Amazon!

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1644 articoli: