scrivere-mysteryScrivere un mystery con Gillian Roberts arriva alla puntata numero 9. Per le precedenti potete dare uno sguardo alle lezioni di scrittura thriller di ThrillerCafe.it, dove troverete anche altri articoli simili. I consigli della Roberts, tratti dal libro You can write a mystery, oggi ci dicono come scrivere di ciò che non si sa…

***

I lettori di mystery sono molto attenti, indagano insieme a voi, anche se desiderano che li superiate in astuzia. Se si scrive abbastanza bene, sono disposti ad accettare personaggi lunatici e atti di pazzia – ma sono in grado di smettere completamente il gioco se si rendono conto che avete barato con i fatti. Il lettore vuole credere che sapete di cosa si sta parlando.
L’ultima cosa che volete è quindi un lettore urtato dal vostro mondo immaginario. I lettori infastiditi si ricordano che ci sono altre fonti di intrattenimento in città.

Lasciate la vostra immaginazione correre libera, ma mantenete una presa salda sui fatti. Tuttavia, supponendo che non si è scritto per esperienza criminale personale, a volte bisogna scrivere quello che non si sa, e in questo caso, quello che non si può sapere può portarvi dei danni. Fortunatamente, in questo mondo ricco di informazioni, non è difficile trovare ciò che serve.

Anche in un mondo high-tech di banche dati e motori di ricerca, non dimenticate o sottovalutate una eccellente fonte poco tecnologica: le persone che conoscono le cose. Le interviste possono essere preziose. Potrete non solo di raccogliere importanti informazioni, ma anche vedere come sono espresse, che gergo utilizza chi parla. È inoltre possibile porre domande le cui risposte non sono altrove, come per esempio quali questioni preoccupano i compagni di lavoro dell’intervistato. In molti casi, sono quelle storie personali che arricchiscono il vostro romanzo e di forniscono ulteriori spunti per la trama.

Le persone sono generalmente felici di condividere le loro conoscenze specifiche con voi. Se hanno tempo, portateli a pranzo, o a bere un drink. In entrambi i casi, ringraziateli in seguito nel libro, quando sarà pubblicato, e non dimenticate di inviare loro una copia.

Non intervistate nessuno, però, fino a quando non avete fatto i vostri compiti a casa, scoperto di che cosa avete bisogno e ciò che si può imparare altrove e non attraverso i libri. Potrebbe essere necessario conoscere come deve sembrare un neurochirurgo nel vostro romanzo, e cosa dovrebbe fare, ma non perdete il tempo del vostro neurochirurgo con domande come: “Parlami del tuo lavoro, doc.” Siate specifici. Dite: “Quale sarebbe la probabilità per questo paziente in coma di pieno recupero dopo un mese? Quale sarebbe il potenziale danno che il coma potrebbe aver creato?” Fate il vostro lavoro sulla storia e su ciò che è possibile conoscere sulle lesioni del cervello in modo che sia possibile utilizzare questo esperto al meglio, e non sprechi il suo tempo o il vostro in una uscita a pesca.

Se non si conosce un neurochirurgo, abbiate fiducia nella teoria dei sei gradi di separazione. Chiedete ai vostri amici chi conoscono, ed essi possono fare lo stesso con gli altri amici. In ultima analisi, qualcuno conoscerà la persona di cui avete bisogno, o almeno, saprà come potete trovare quella persona.

Spesso, gli esperti possono dire come aggirare la loro esperienza (o, più probabilmente, quella di qualcun altro.) Un fabbro sa come le serrature possono essere scassinate; i pompieri comprendono le indagini su incendi dolosi, e anche neurochirurgo sa di altri medici, meno qualificati o meno etici che potrebbero mantenere il paziente nel suo coma.

A meno che non si stia scrivendo uno romanzo storico ambientato prima che ci fossero le forze di polizia, fate il vostro lavoro sulle procedure di polizia, anche se si sta scrivendo di un detective dilettante, perché non opera nel vuoto. Controllate se il vostro dipartimento di polizia ha un pubblico ufficiale il cui compito è quello di aiutarvi a capire esattamente ciò che accade, e verificate che si può dare un vero senso della vita dei vostri personaggi.

Ci sono corsi per l’amministrazione della giustizia, e centri di apprendimento hanno classi su come diventare un investigatore privato. Le università hanno corsi di specialità forense. Anche se non si desidera iscriversi, è possibile contattare l’istruttore, o leggere i testi, o essere guidati da qualcuno nel dipartimento verso qualcun altro che ci potrebbe aiutare.

Ci sono, naturalmente, buoni libri, sia popolari che scientifici, in merito alla criminalità e ai metodi di indagine.

Internet offre accesso praticamente illimitato alle informazioni su quasi tutti gli argomenti, più l’accesso a gruppi di esperti e di interesse speciale in tutto il mondo. Basta essere sicuri che la vostra fonte sia affidabile.

Includete la vostra ambientazione tra quelle cose che dovrebbero essere basate sulla realtà. Se si utilizza un luogo vero e proprio, provate a visitarlo con una videocamera e un registratore. Notate rumori, odori, congestione – qualunque cosa. Ma anche se non è possibile visitare la vostra ambientazione, spesso è possibile visualizzare le foto su internet, le mappe, leggere libri di viaggio e giornali locali (spesso online), e scrivere alla sua Camera di Commercio a alla Historical Society per la letteratura. Durante la lettura di giornali e riviste, controllate gli annunci, che spesso dicono di più di notizie ed editoriali circa le condizioni della zona, ciò che è in vendita, a che prezzo e quanto disperatamente – e su mode e stili. Le storie orali sono meravigliose risorse per la narrativa storica. Il vostro bibliotecario locale può aiutarvi con prestiti interbibliotecari di libri da ovunque nel mondo ne avete bisogno.

Se siete amici delle vostre fonti, forse si potrebbe arrivare a far leggere il vostro manoscritto quando è pronto per gli altri occhi – o almeno, la parte di esso che riflette la loro esperienza. Ricordate loro che non si richiede una critica letteraria, ma solo se il personaggio parla e si comporta in modo adeguato. Un neurochirurgo direbbe quelle cose al suo paziente?

Un postscritto perverso: Dopo tutto questo: non permettete che la vostra ricerca sia evidente. Il vostro lettore vuole imparare senza fatica. Non vuole un trattato di neurochirurgia, quando legge il vostro mystery. Utilizzate solo le curiosità che fanno procedere la vostra storia, e che danno autenticità. Se avete del meraviglioso materiale che non è possibile utilizzare qui – scrivete un altro libro su un neurochirurgo.

Prossima lezione: il dialogo.

(precedente…) | (successiva…)

Ti è piaciuto l'articolo? Iscriviti alla newsletter

Inserisci la tua email e riceverai comodamente tutti i nostri aggiornamenti con le novità, le anticipazioni e molto altro.

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1649 articoli: