Il pozzo delle anime - Marcello Simoni

Torniamo nell’Italia del Seicento con Marcello Simoni, che pubblica per Einaudi il quarto romanzo che ha per protagonista Girolamo Svampa, frate domenicano, inquisitore del Sant’Uffizio e detective ante litteram. Il libro si intitola “Il pozzo delle anime” e ci porta a Ferrara, nei territori di nascita dell’autore, che ricostruisce minuziosamente e in modo molto scenografico la città dell’epoca e il ghetto ebraico, cuore della vicenda.

A Ferrara è infatti stato crudelmente assassinato l’ebreo sefardita Solomon Cordovero e la Congregazione del Sant’Uffizio incarica ufficialmente lo Svampa, insieme al suo fedele accompagnatore padre Francesco Capiferro, di recarsi nella città per cercare di risolvere l’enigma che avvolge questo misterioso omicidio. Incarico, e conseguente allontanamento da Roma, che giunge quanto mai opportuno, visti i numerosi problemi che il domenicano ha creato negli ultimi tempi al Sant’Uffizio con la sua irriverenza e le sue attività sempre in odore di ribellione. A Ferrara, Svampa e Capiferro troveranno una situazione di enorme tensione tra le autorità locali e la comunità ebraica, a sua volta divisa a seconda dei rami di provenienza, che solo le abilità indagatorie dei nostri “detective” saranno in grado di decifrare.

Simoni costruisce, con la sua usuale abilità, un intrigo ricco di suspense, che ricorda da vicino il giallo classico. Una coppia di investigatori, Svampa e Capiferro, che è sicuramente debitrice ai grandi padri della investigazione tradizionale, a partire dalla coppia Holmes e Watson, i cui classici e storici battibecchi sono riproposti, mutatis mutandis, anche in questo romanzo. La differenza sostanziale sta invece nella collocazione storica dei personaggi. I due inglesi sono figli del positivismo razionalista vittoriano, mentre i due inquisitori si muovono in una delle età più affascinanti dell’epoca moderna. Quel Seicento a cavallo tra i maghi rinascimentali sperimentatori e i primi veri “scienziati”, un’epoca di passaggio che ha liberato le menti più fervide e ha gettato le basi di quello che ancora oggi è il metodo scientifico contemporaneo. Un’era nella quale si producono le grandi costruzioni teoriche che mescolano e ricombinano con genialità le tradizioni teologiche, filosofiche e letterarie, dall’antichità alla fine del Medioevo. Un’epoca nella quale la Chiesa esercita al massimo il suo potere temporale e con gli artigli dell’Inquisizione cerca di difendere un ordine antico ormai in disfacimento, costruendo prigioni e approntando roghi, in uno dei più famosi dei quali un altro domenicano visionario ha consumato il suo sacrificio.

Quest’epoca storica è resa dall’autore in modo superlativo, con un’aggiunta. L’ingresso sulla scena della tradizione e della comunità ebraica, che gran parte ha avuto nel corso del Rinascimento e dei secoli successivi nel riprendere le proprie tradizioni culturali e religiose e infarcirle con la qabbalah, esprimendo quell’aspirazione rivoluzionaria al cambiamento totale e alla sperimentazione che anche ne “Il pozzo delle anime” manifesta la propria presenza. Comunità formata da tanti rivoli che derivano dalla diaspora e che Simoni ci rende manifesti e ci illustra benissimo. Comunità che è, nel vero senso del termine, ghettizzata dalla potenza restauratrice della Chiesa, che solo attraverso alcuni spiriti liberi (in questo senso Svampa lo è sicuramente più di Capiferro) esprime il proprio amore per il sapere e la cultura e il disprezzo per il potere reazionario.

Ma “Il pozzo delle anime” è anche un grande inno alla libertà che si costruisce e si ottiene attraverso la cultura. «Non saranno la luce e il chiarore del sole a farci uscire dalle tenebre, ma la conoscenza delle cose», diceva nel “De Rerum Natura” Lucrezio, che l’Inquisizione ha messo all’indice e che nei fatti Girolamo Svampa vuole invece riconoscere. Un inno alla libertà che critica ferocemente ogni forma di oscurantismo e di reazione e che denuncia con forza il volto violento del potere, quello che brucia i libri, che reprime, che non vuole ascoltare, ma che alla fine, inevitabilmente, perde.

«Bruciare parole. Bruciare idee. Il crimine piú mostruoso del quale poteva macchiarsi il genere umano. Perché nell’incommensurabile costellazione del pensiero universale, persino l’idea più aberrante, l’eresia più spaventosa, contribuiva a definirne la bellezza nel suo labirintico insieme.» ci dice Simoni. Impossibile non essere d’accordo.

Compra su Amazon

Sconto di 0,85 EUR

Articolo protocollato da Giuliano Muzio

Sono un fisico nato nel 1968 che lavora in un centro di ricerca. Fin da piccolo lettore compulsivo di tante cose, con una passione particolare per il giallo, il noir e il poliziesco, che vedo anche al cinema e in tv in serie e film. Quando non lavoro e non leggo mi piace giocare a scacchi e fare attività sportiva. Quando l'età me lo permetteva giocavo a pallanuoto, ora nuoto e cammino in montagna. Vizio più difficile da estirpare: la buona cucina e il buon vino. Sogno nel cassetto un po' egoista: trasmettere ai figli le mie passioni.

Giuliano Muzio ha scritto 132 articoli:

Libri della serie "Girolamo Svampa"

Il pozzo delle anime – Marcello Simoni

Il pozzo delle anime – Marcello Simoni

Torniamo nell’Italia del Seicento con Marcello Simoni, che pubblica per Einaudi il quarto romanzo che ha per protagonista Girolamo Svampa, frate domenicano, inquisitore del Sant’Uffizio e detective ante litteram. Il libro si intitola “Il pozzo […]

La prigione della monaca senza volto – Marcello Simoni

La prigione della monaca senza volto – Marcello Simoni

Presso Einaudi c’è molto entusiasmo per il personaggio di Girolamo Svampa, al punto che con La prigione della monaca senza volto, scritto come di consueto da Marcello Simoni, siamo già giunti alla terza avventura in […]

Il monastero delle ombre perdute – Marcello Simoni

Il monastero delle ombre perdute – Marcello Simoni

L’infaticabile Marcello Simoni continua a perlustrare varie fasi del Medioevo e con Il monastero delle ombre perdute riporta in azione l’inquisitore Girolamo Svampa, uno dei personaggi recentemente più apprezzati dal pubblico. Il monastero delle ombre […]

Il marchio dell’inquisitore – Marcello Simoni

Il marchio dell’inquisitore – Marcello Simoni

Einaudi pubblica Il marchio dell’inquisitore di Marcello Simoni all’interno della collana Stile Libero Big, romanzo che propone il ritorno di uno degli autori italiani di maggiore successo, forte sia di successi di vendita, che di […]