Ognuno è carnefice - Katarzyna BondaDopo Non esistono buone intenzioni e Nessuna morte è perfetta la penna della scrittrice polacca Katarzyna Bonda, classe 1977, ci regala l’ultimo libro della (per ora) trilogia con protagonista Aleksandra Sasza Zaluska: Ognuno è carnefice – Edizioni Piemme con traduzione di Laura Rescio e Walter da Soller – che recensiamo oggi al Thriller Café.

Chi ha già letto i primi due libri ritroverà con piacere la donna dai capelli rosso fuoco e dal turbolento passato, tornata da qualche tempo in Polonia, a Sopot, fredda città del Mar Baltico tra Danzina e Gdynia, per ricominciare una, seppur faticosa, nuova vita lasciandosi alle spalle l’alcolismo e puntando tutto su Karolina, la sua bimba, e sulla sua professione di detective profiler.
Il libro può però essere letto anche “singolarmente” in quanto l’autrice descrive l’essenziale del passato di Sasza nelle prime pagine con stile asciutto e senza inutili fronzoli rinfrescando anche la memoria dei fan di lunga data senza incrementare ulteriormente la mole già discreta del romanzo (560 pagine).

“Hai qualcosa che non possiedono in molti, e che tanti hanno perso. Talento e fegato. Onestà e tenacia. Ma ora basta western, bella mia. Oggi ci accordiamo per fare una tregua.”

Dopo alcune disavventure, Sasza viene riabilitata a tutti gli effetti in polizia e le viene assegnato un nuovo caso: Łódź, la città dei senzatetto, sta bruciando.
Un piromane si aggira per le strade della terza città più popolata della Polonia appiccando incendi a cassonetti, case, barboni e Sasza dovrà scoprire chi è e perché lo fa: se per una malattia mentale, se per vendetta o se per dare sfogo alle più oscure insoddisfazioni dell’animo umano.

Essendo un thriller lo si può indubbiamente leggere come tale ossia concentrandosi sulla pura ricerca del cattivo, dell’antagonista, dell’assassino piromane e non c’è nulla di male in questo, anzi. Sia lo sviluppo dell’indagine che l’intreccio narrativo sono appassionanti e portano il lettore a fare dei collegamenti in completa autonomia e a comprendere e risolvere alcune situazioni del romanzo senza essere guidato per mano dall’autrice: è insomma una lettura attiva, che richiede memoria e non lascia molto spazio a distrazioni spaziando dal male inteso come “bug” dell’umanità al dolore del singolo individuo che reagisce a tutti i pugni nello stomaco costretto a prendere ogni giorno della sua vita, con tutte le conseguenze del caso, creando un romanzo corale con molteplici sotto trame, storie di vita e singolari aneddoti di svariati incidenti, dolori e rancori.

Ma, soprattutto, questo è il romanzo di una città, come ampiamente spiegato nelle suggestive (e molto interessanti) note finali della scrittrice, e si può leggere anche come una sorta di lungo racconto a sé.

Inutile negare che l’ambientazione faccia la parte da leone in questo libro: l’autrice mette a nudo Łódź, la spoglia di tutto quello che può essere la normale vita cittadina di una qualsiasi altra città polacca o anche d’Europa o del mondo (ambientare questo romanzo a Roma o a Los Angeles non avrebbe certamente dato lo stesso risultato) e ci accompagna giù, in strada. Ci illustra realtà scomode fatte di appartamenti vuoti e senza riscaldamento, occupati da disagiati, spacciatori, truffatori, prostitute ma anche da ex insegnanti ora disoccupati, famiglie ridotte allo stremo, figli della generazione reduce dalla – pesante – storia mondiale che ha distrutto la Polonia.
Bonda ci chiama e ci porta sia nelle periferie che nei nuovi quartieri che lottano per una vita diversa, fatta di casette carine, nuove opere architettoniche, lavori dignitosi e relazioni sane – senza però far finta che sentimenti come la rabbia, la paura per la diversità e i pregiudizi non esistano più e dove il rap è la colonna sonora costante per alzarsi la mattina e reagire.

“Da dietro le spalle ti guarda sempre questa piccola città
I suoi sussurri non ti lasciano dormire
Quando vinci, qualcosa continua a ricordarti
“Alla fine tornerai qui sconfitto”.
Perché a chi è che appartieni, eh? A lei.”

Zeus (rapper polacco)

Il libro è godibilissimo e si legge molto bene (serve farsi un po’ d’orecchio per i nomi propri polacchi) ma, inevitabilmente, un intreccio così complesso con tante storie secondarie e tanti temi trattati porta ad un finale “in velocità” dove tutto si chiude un po’ troppo rapidamente lasciando troppa carne ancora sul fuoco.

Compra su Amazon

Sconto di 5,08 EUR
Ognuno è carnefice
27 Recensioni
Ognuno è carnefice
  • Editore: Piemme
  • Autore: Katarzyna Bonda

Articolo protocollato da Elena Rossi

Lettrice onnivora fin da piccola, amante dei cani, della montagna, della fotografia e con una totale avversione verso lo shopping e le discoteche.

Elena Rossi ha scritto 26 articoli: