Drive - James SallisLa segnalazione di oggi qui al Thriller Café è per un romanzo da cui è stato di recente tratto un film che ha fruttato al suo regista Nicholas Winding Refn la Palma d’oro al Festival del cinema di Cannes. Il titolo in questione, ovviamente, è Drive, di James Sallis, edito qui in Italia da Giano con traduzione di Luca Conti. Drive era già stato edito nel nostro paese nel 2006, ma chiaramente l’uscita del film ha condotto a una nuova edizione.
Per chi non conoscesse né la pellicola né il libro, ve ne riporto la trama:

La stanza di un Motel 6 a nord di Phoenix, la tarda luce dell’alba che preme alla porta e alle finestre, i rumori del traffico dalla vicina autostrada, il lamento di qualcuno che piange nella camera attigua. E una pozza di sangue che avanza, lenta, inesorabile… Tre cadaveri in un mare di sangue: questa è la scena che si presenta agli occhi di Driver, che ha una sola soluzione davanti a sé: la fuga. Lui non ha avuto nessuna parte nel crimine. Lui non spara, lui non porta armi. E lo ha anche detto senza mezzi termini ai suoi complici: “Io non partecipo, non so nulla, non ho armi. Io guido. Nient’ altro”. Quelli, i complici, avevano un buon colpo tra le mani e cercavano un autista. Un lavoretto da niente per chi è uno dei migliori stuntman di Hollywood, capace di scene da cardiopalma, di giri della morte e di incredibili acrobazie su due ruote. Un lavoretto, però, finito male. Con tre cadaveri nella stanza di un motel e duecentocinquantamila dollari che ora scottano tra le mani di Driver. Lo stuntman si ritrova con una taglia sulla testa e una domanda martellante: chi ha fatto il doppio gioco e ora lo vuole morto? Per dare una risposta e salvarsi la pelle, si trasforma in un uomo in fuga, tra l’Arizona e Los Angeles, costretto a uccidere chi costituisce una minaccia e sicuro soltanto della sua Dodge, vecchia di dieci anni ma resistente come un carrarmato.Ma la fuga, si sa, è anche l’occasione per ripercorrere le tracce della propria esistenza.

L’ovvio consiglio è sia di leggere il libro che di vedere il film, ma se proprio dovete scegliere, sempre e comunque prima il libro.

Drive, di James Sallis: acquistalo su Amazon!

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1647 articoli: