Dark Room La camera oscura di Jonathan MooreLeone Editore arricchisce il suo catalogo con Dark Room – La camera oscura di Jonathan Moore, autore che i lettori italiani ricorderanno per il suo precedente L’artista dei veleni, apparso nelle librerie nel 2016.

Autore di cinque romanzi e forte di una nomination all’importante Bram Stoker Award, Jonathan Moore vive alle Hawaii con moglie e figlio e, come tanti altri scrittori, ha fatto un po’ di tutto prima di raggiungere finalmente fama e successo con i suoi romanzi.

Laureato in Giurisprudenza a New Orleans e tutt’ora attivo come avvocato, l’autore ha vissuto alcuni anni a Taiwan, è stato investigatore, ha guidato escursioni in rafting sul Rio Grande, si è occupato di manualistica, è stato proprietario di un bar e ha lavorato in centro nel Texas in qualità di counselor per giovani criminali.

Un insieme di esperienze molto vario, tutte diverse fra loro, che si è poi rivelato prezioso bagaglio quando ha deciso di dedicarsi alla narrativa, attività che lo ha ripagato con buona ricezione da parte di pubblico e critica e una diffusione internazionale in vari Paesi.

Se già L’artista dei veleni aveva entusiasmato e fatto discutere, questo Dark Room, pubblicato da Leone Editore con la traduzione di L. Costa, avvincerà ancora di più il pubblico per via di un indovinato gioco a rimpiattino fra un passato ricco di minacce e segreti e un presente tutto da decifrare.
Diamo uno sguardo alla trama di Dark Room – La camera oscura.

Il video che arriva all’ispettore Gavin Cain e al suo aiutante Grassley è tanto misterioso quanto preoccupante. In esso un uomo, colpito da un cancro incurabile e con ancora poco tempo da vivere, sembra aver deciso di confessare tutti i suoi peccati prima di morire. Peccati che non sono certo veniali, visto che il protagonista del video consiglia all’ispettore di esumare il cadavere di un giovane uomo deceduto nel 1985, Christopher Hanley, e di eseguire attenti esami che dovrebbero portare alla scoperta di qualche devastante segreto.

Il filmato riscuote l’attenzione dovuta, la macchina burocratica si mette in moto, ma quando Cain è vicino a scoprire la verità e il corpo sta per essere disseppellito, ecco che interviene un evento ancora più pressante e l’ispettore deve, temporaneamente o meno, smettere di occuparsi del caso per impegnarsi su un fronte ancora più preoccupante.

Il sindaco di San Francisco, Harry Castelli, è infatti vittima di un ricatto che potrebbe facilmente porre fine alla sua carriera politica, se non spedirlo direttamente in carcere. Castelli ha ricevuto una lettera da parte di qualcuno che sembra essere ben informato sul suo passato, una missiva che arriva con alcune foto di una bellissima ragazza legata a un letto, nuda e priva di conoscenza.

E il ricattatore, a complicare il quadro, non pretende soldi: chi ha spedito la lettera chiede al sindaco di uccidersi, pena la diffusione di un atroce segreto. Il sindaco naturalmente nega ogni legame con la ragazza ritratta nelle foto, ma Cain dubita delle affermazioni di Castelli e comincia a indagare, rivelando una ragnatela di segreti che coinvolge tutta la famiglia del primo cittadino…

Segnaliamo che tutti i lettori di Thriller Café potranno ottenere uno sconto del 20% sull’acquisto di Dark Room – La camera oscura acquistando il romanzo presso il sito ufficiale di Leone Editore e utilizzando il codice sconto DARKROOM17 (valido fino al 7 dicembre).

Articolo protocollato da Simone Della Roggia

Appassionato di gialli e thriller, della buona cucina, e di bassotti (non necessariamente in quest'ordine). Scrittore a tempo perso, ovvero di notte. Passo molto tempo sui treni italiani, lo inganno leggendo.

Simone Della Roggia ha scritto 175 articoli: