daniel kallaConcludiamo oggi l’intervento cominciato la scorsa settimana con i suggerimenti di Daniel Kalla per scrivere un thriller.
Ecco quanto consiglia ancora l’autore canadese…

***

Come essere motivati
“Se volete fare qualcosa abbastanza, lo fate. Non vi serve un computer. Vi bastano l’immaginazione e la determinazione. Ovviamente, per avere successo con la scrittura, dovete essere perseveranti.
Io ho una famiglia giovane. Ho un lavoro che mi impegna a tempo pieno. I penso che chiunque voglia farlo davvero, possa sedersi e trovare il tempo per scrivere un capitolo. Credo sia un malinteso credere che ci sia bisogno di vagonate di tempo per scrivere.
Una volta che abbiate trovato un’idea e la determinazione necessaria, non vi servono 16 ore su 24. Potete scrivere 750 parole in un paio d’ore, non saranno perfette e avranno bisogno di essere aggiustate. Ma le avrete scritte”.

La routine della scrittura
“Io passo molto tempo in giro per strada, accompagnando i bambini a scuola o alla fine del mio turno, o facendo altre cose. Porto con me il mio portatile e trovo il posto piĂą silenzioso e confortevole possibile per scrivere. Sono l’antitesi dello scrittore che ha bisogno del suo computer e del suo spazio per scrivere”.

Consigli di letture
“I primi libri di Ken Follet, come The Bourne Identity di Robert Ludlum. Il primo libro che davvero non riuscivo a posare. Aveva una trama così interessante, e il personaggio principale non sapeva chi fosse e chi lo stesse cercando. Era come dipanare un mistero assieme a lui, una trovata geniale.”

Cosa attira il lettore?
“Alla fine, è il protagonista a fare la differenza. Non è lo stile, e neanche la trama. Può essere una trama brillante, ma sei personaggi non sono reali e non ci si può relazionare con loro, alla fine il lettore non sarĂ  coinvolto. Credo che il cavallo vincente siano i buoni personaggi.”

***

Con queste considerazioni terminano le lezioni Daniel Kalla. Di tutte, credo molto interessante sia l’ultima: i personaggi rendono un romanzo bello o brutto. Siete d’accordo?

Vai alle lezioni di scrittura