Miami Blues di Charles WillefordFeltrinelli porta nuovamente nelle librerie italiane Miami Blues di Charles Willeford, a parecchi anni di distanza dall’edizione di Marcos y Marcos (2003) e dalla precedente di Phoenix del 1996.
Miami Blues è apparso in originale con lo stesso titolo nel 1984 e ci viene riproposto con la traduzione di E. Bussolo.

Torna così sui nostri scaffali uno dei più interessanti autori di noir statunitensi, e lo fa con il romanzo che ha segnato l’inizio della sua opera più nota, quella “quadrilogia di Miami” che ha influenzato più di un autore dopo la metà degli anni ottanta e che viene citata come ispirazione anche da Quentin Tarantino.

Charles Willeford, come tanti altri scrittori di crime e noir, ha vissuto in modo molto particolare prima di raggiungere la fama con i suoi romanzi, forse nel suo caso ancora più particolarmente di altri.
Orfano in tenera età, Willeford diventa ben presto un vagabondo per poi, a sedici anni, arruolarsi nell’esercito.

Segue quindi un periodo di una ventina d’anni durante il quale il futuro scrittore combatte nella Seconda Guerra Mondiale e nelle Filippine. Abbandonato l’esercito, non prima di aver accumulato varie onorificenze, Willeford passa altri anni dedicandosi, come di consuetudine per figure simili, ai mestieri più svariati.

Pittore, speaker radiofonico, pugile e allenatore di cavalli: tutte esperienze che, aggiunte agli anni trascorsi in uniforme, gli consentono quindi di scrivere opere di vario tipo, con ottimi risultati quali Nato per uccidere (Cockfighter, 1962 – Hobby & Work Publishing, 2005) e Il quadro eretico (The Burnt Orange Heresy, 1971 – Bompiani, 1996).

È però con la quadrilogia di Miami che Willeford raggiunge l’apice di stile e contenuti, creando una metropoli putrescente e corrotta, sfiancata dalla tenaglia rappresentata da criminalità collegata all’immigrazione e speculazione edilizia.
All’ombra delle palme della Florida di Miami Blues si muovono personaggi spesso privi di sfumature, tutori della legge incorruttibili e criminali dal dubbio equilibrio psicologico.

Hoke Moseley è stanco; ha passato l’intera giornata a indagare su un quadruplice omicidio e ora vorrebbe solo riposare nella sua minuscola stanza all’El Dorado Hotel di Miami, sorseggiando un po’ di brandy e sprofondando in un meritato oblio. Ma forse proprio la stanchezza, unita a una depressione che gli sembra sua compagna fedele da ormai troppo tempo, gli allenta l’attenzione e così, quando bussano alla porta, Moseley apre senza pensarci più di tanto.

Il risultato è un ricovero all’ospedale per svariate contusioni e una mandibola non tanto a posto: qualcuno lo ha pestato per bene non appena ha spalancato l’uscio e ora Hoke sta cercando di pensare a chi può essere interessato a malmenarlo fino a farlo svenire e sottrargli distintivo e pistola.

A dire il vero, ma non è particolare che Moseley abbia tanta voglia di raccontare in giro, gli hanno rubato anche la dentiera: quale nemico del suo passato può arrivare a tanto? Ma la pista della vendetta non porta ad alcun risultato e ben presto Hoke Moseley comincia a pensare che i responsabili siano altri, magari una giovane prostituta non così stupida come vuole apparire e il suo fidanzato, un ex detenuto dal grilletto facile e con scarso controllo sulle sue pulsioni.

Il tutto, tanto per complicare le cose, sembra essere collegato allo strano omicidio di un pappone Hare Krishna.

Migliore Offerta
Miami Blues
13 Recensioni
Miami Blues
  • Charles Willeford
  • Editore: Feltrinelli