L'uomo che scrive ai morti - Preston & ChildL’uomo che scrive ai morti di Douglas Preston & Lincoln Child, edito da Rizzoli con traduzione di Elisa Finocchiaro è il libro che recensiamo oggi al Thriller Café.

Aloysius Pendergast, pluridecorato agente dell’FBI, è considerato un cane sciolto per via dei suoi metodi investigativi poco ortodossi e dell’inquietante aura di mistero che lo avvolge ma sfoggia un’immensa cultura generale, buongusto in fatto di abiti e cibo e un tagliente sarcasmo nonché un’intelligenza sopraffina.

“In quel preciso istante la porta della sauna si aprì ed entrò un uomo. (…) Alto, magro, capelli tagliati con cura e tanto chiari da sembrare bianchi. Gli occhi erano azzurri come il ghiaccio, e altrettanto freddi e indecifrabili. Era entrato nella sauna indossando un completo nero di sartoria, dalla fattura impeccabile e tagliato su misura.”

Così l’agente Pendergast entra in scena e si presenta al cospetto di Pickett, suo superiore, per apprendere i dettagli del caso che gli sta per essere affidato e scopre anche che, come condizione tassativa, dovrà collaborare con l’agente Coldmoon, suo nuovo partner lavorativo. Nel cimitero di Bayside-Miami, sulla tomba di Elise Baxter, morta suicida più di undici anni prima, è stato ritrovato un cuore umano ancora sanguinolento e un biglietto scritto con grafia elegante e curata con un messaggio di pentimento, corredato da una citazione letteraria e da una firma.

Tre giorni dopo lo schema si ripete: nuovo omicidio, nuovo cuore sulle spoglie di una suicida e nuovo biglietto firmato come il primo dall’assassino: Signor Cuorinfranti, nome eccessivamente romantico per un così abile e spietato assassino che insanguina le notti di Miami trasportando organi ancora pulsanti sulle lapidi di giovani ragazze suicide riaprendo nuove dolorose ferite nei parenti rimasti a chiedersi il motivo di un gesto così improvviso e immotivato. Tolte la giovane età e la modalità di morte non ci sono apparentemente altri punti in comune né tra le defunte né tra le vittime del serial killer ma la coppia Pendergast-Coldmoon, aiutati dalla dottoressa Fauchet – giovane medico legale – arriveranno a comprendere il movente scatenante di questa follia omicida portandoci ancora più indietro nel tempo e spiegandoci con fredda logica la vita e la necessità di espiazione di Cuorinfranti.

“Capisci? Devo espiare. Se non puoi aiutarmi a farlo, dovrò continuare da solo… e non finirà bene.”

La storia è originale e interessante: scrittura trascinante, dialoghi intelligenti, personaggi ben caratterizzati e descrizioni paesaggistiche che non annoiano ma che riescono invece a farci sentire al centro della scena e al fianco dei protagonisti. Anche le descrizioni di ambienti, cibo e quotidianità non sono mai banali e servono a spezzare un po’ la tensione dell’indagine.

“Un’esperienza che gli aveva insegnato anche quanto fosse bizzarro il paesaggio della Florida: milioni di persone ammassate lungo il litorale, come formiche, e poi nient’altro che laghi, aranceti, ranch e, naturalmente, paludi.”

Questo è il diciottesimo libro con protagonista Pendergast – partendo da Relic e ReliquaryLa stanza degli orrori, passando  per la Trilogia di Helen (moglie di Aloysius) e la Trilogia di Diogenes (il fratello con spiccato senso del crimine e della violenza).

Per saperne di più su Pendergast e sulla coppia di autori, vi rimandiamo all’aggiornamento dedicato a Douglas Preston & Lincoln Child.

Recensione di Elena Rossi.

Sconto di 2,85 EUR
L'uomo che scrive ai morti. Un nuovo caso per l'agente Pendergast
29 Recensioni
L'uomo che scrive ai morti. Un nuovo caso per l'agente Pendergast
  • Douglas Preston, Lincoln Child
  • Editore: Rizzoli