La notte di Roma di Bonini e De CataldoCon tragica e importante puntualità rispetto a quel che sta accadendo nel mondo reale, ecco che Einaudi pubblica, in Stile Libero Big, La notte di Roma di Carlo Bonini e Giancarlo De Cataldo, un romanzo che parte esattamente da dove si era concluso Suburra e che arriva in libreria proprio in concomitanza con l’inizio del processo Mafia Capitale.

Sia da soli che a quattro mani Bonini e De Cataldo hanno dato una nuova dimensione e peso al già grande valore che può avere la narrativa di genere nel descrivere la realtà e riflettere sui suoi problemi, ora i due hanno scelto di combinare nuovamente le forze per affrontare un capitolo delicatissimo della vita della Capitale, quella “notte” del titolo del romanzo, che solo nel futuro potremo capire se è notte eterna o prelude a qualche nuova alba.
I segnali, morali ancor più che di cronaca nera, al momento spingono al pessimismo ma i due autori, almeno in alcuni passaggi del romanzo, sembrano covare fiducia nella Città Eterna, vediamo dove essa è riposta:

La notte di Roma comincia dove si era concluso Suburra e quindi comincia dentro un vuoto di potere: il Samurai si ritrova ormai fuori dai giochi, chiuso dentro un carcere su nel Nord, in regime 41 bis. E sui vuoti si può essere sicuri di una cosa: non durano.
Arriva infatti subito un pretendente alla successione al trono criminale, Sebastiano, ma è troppo giovane e senza l’esperienza e le capacità di un capo vero ogni equilibrio è destinato a crollare, anche nella criminalità, dando spazio alle belve più feroci e ai crimini più efferati.

E la notte di Roma, che avvolge la città all’alba dell’anno giubilare della Misericordia, con un nuovo Papa e un nuovo sindaco, è una notte di guerra a ogni livello, nelle strade come nei palazzi del potere. E non sembrano esserci molte speranze in un domani diverso.
O meglio, alcune speranze ci sono, molto esili, e bisogna aggrapparsi a esse con tutte le forze: c’è un vecchio politicante di sinistra, ormai dimenticato dai più, che ha fatto errori ma da quegli sbagli ha imparato e vorrebbe rimettersi in gioco; c’è un giovane vescovo che non rifiuta i meccanismi del potere in Vaticano e crede in vie diverse. E c’è l’amore, quella forza inspiegabile che esiste nonostante tutto e nonostante tutti e potrebbe fare anche lei la sua parte per far sorgere un nuovo giorno nella Capitale.

Carlo Bonini e Giancarlo De Cataldo non ci raccontano solo la Roma di oggi: anche se questo romanzo non potrebbe essere ambientato in nessun’altra città italiana è proprio l’Italia tutta che finisce sulle pagine di La notte di Roma, e non è una bella Italia.
È un Paese che stenta a ritrovare, appunto, la luce del giorno, un luogo in cui ormai crimine e corruzione non sono più il problema principale, un posto dove serve una rieducazione completa di tutti i cittadini.

Una rieducazione civica, morale e, forse sopra ogni altra cosa, sentimentale per la quale servirà molto tempo e molta fatica, che deve cominciare a casa, da figli e genitori, per poi passare nelle scuole, nelle piazze, in televisione e sui libri e ovunque.
Una rieducazione che passa anche dalle opere di Bonini e De Cataldo.
Una rieducazione per non far diventare Mafia Capitale una quotidianità di cui ci sbarazziamo con una scrollata di spalle.

Migliore Offerta
La notte di Roma
21 Recensioni
La notte di Roma
  • Carlo Bonini, Giancarlo De Cataldo
  • Editore: Einaudi