brian-freemanAutore apprezzatissimo in Italia come in patria, abbiamo oggi il piacere di intervistare Brian Freeman, in occasione della recente uscita del suo romanzo Il veleno del sangue (nella foto tratta dalla fan page di Edizioni Piemme l’autore con una copia del libro).
Una breve e interessante chiacchierata che vi consigliamo di seguire sia che amiate il thriller psicologico che non… Sedetevi e ascoltate…

[D]: Ciao Brian, benvenuto al Thriller Café. Inizieremo con una semplice domanda: come hai iniziato a scrivere, e perché romanzi di suspense?
[R]: Sono uno di quegli scrittori che non ha mai voluto fare altro nella vita. Per quanto possa ricordare, ho sempre voluto scrivere libri. Ho avuto un’insegnante meravigliosa da bambino che ha riconosciuto il mio amore per la scrittura e mi ha davvero incoraggiato. Dopo le sue lezioni, mi sedetti e cominciai il mio primo romanzo, cosa che è stata il mio sogno da sempre.

Perché suspense? Penso che puoi prendere personaggi umani reali e metterli in situazioni estreme, e si può imparare molto sulla gente in questo modo. La suspense crea momenti fortemente drammatici e grandi emozioni. Inoltre, non c’è niente come l’adrenalina di un buon thriller. Mi piace quando i lettori devono rimanere svegli fino alle tre del mattino per terminare i miei libri!

[D]: Il tuo primo romanzo, Immoral, ha vinto un Macavity Award ed è stato nominato per diversi altri premi, tra cui l’Edgar. Questo grande successo ha cambiato il tuo rapporto con la scrittura?
[R]: Ho scritto cinque libri nella mia vita che sono ancora nascosti nel mio cassetto del comodino. Questo avveniva prima che cominciassi il romanzo che è diventato Immoral. Quando scrivi così tanto senza sfondare, devi essere molto determinato, e devi credere in te stesso. Il successo che ho avuto con Immoral ha convalidato tutto ciò che pensavo di dover fare nella vita. Mi ha detto che ero veramente destinato ad essere uno scrittore.

E’ divertente. Dopo la scuola, ho avuto un sogno ricorrente per anni di essere di nuovo al college, ma non avevo la mia laurea, e mi ero dimenticato di frequentare le lezioni. E’ stato un sogno che mi ha fatto sentire sempre insoddisfatto, come se non avessi ottenuto quello che volevo nella vita. Da quando Immoral è stato pubblicato, non ho più fatto quel sogno.

[D]: Jonathan Stride è il personaggio ricorrente dei tuoi romanzi. Creare una serie era la tua idea originale o forse hai trovato un personaggio “giusto”?
[R]: No, davvero non ho visto Stride come un personaggio da serie, all’inizio. Ho immaginato Immoral come stand-alone, e sarei andato in direzione diversa dopo quel libro. Tuttavia, la reazione a Stride da parte di lettori e redattori è stata così forte che ho saputo che dovevo riportarlo indietro. E da allora, ha assunto una vita propria. E’ diventato un buon amico, e anche quando mi prendo una pausa da lui – come ho fatto in Il dubbio e Il veleno del sangue – so sempre che Stride sarà di nuovo sul palco. Tornerà in Italia in un nuovo romanzo l’anno prossimo!

[D]: Pensi che Jonathan sia cambiato lungo la serie? Se sì, a causa di che cosa?
[R]: Sì, Stride è cambiato molto nel corso degli anni. I lettori a volte mi chiedono se so come la serie Stride finirà; io dico sempre di no – Non ne ho idea. E’ perché credo che tutti noi siamo il prodotto delle molte esperienze che abbiamo nella nostra vita. Non saremo gli stessi di quest’anno, l’anno prossimo, a causa di ciò che accade nel mezzo. Lo stesso vale per Stride. Tutto ciò che gli è successo nei primi cinque libri lo ha plasmato e cambiato, e questo continuerà a essere vero per il futuro.

[D]: Qual è la migliore qualità dei tuoi libri, secondo te? E qualcosa che dovresti perfezionare?
[R]: Se ci sono due cose che mi piacciono di più della mia scrittura, è che, in primo luogo, riesco a far girare le pagine al lettore. Amo l’e-mail che ho ricevuto da una lettrice che ha detto di aver preso pause in bagno “illecite” al lavoro per arrivare a un altro capitolo! L’altra cosa che mi piace dei miei libri è che scrivo di persone reali, non super-eroi e super cattivi. Voglio che il lettore sia in grado di mettersi nei panni dei personaggi, siano essi buoni o cattivi.

Ho sempre voglia di continuare a migliorare. A volte le persone chiedono se la scrittura diventi più facile, quando si scrive più libri. No, diventa più difficile! I tuoi standard continuano a salire, perché si desidera che ogni libro sia il migliore. Quindi, per quanto mi riguarda, io sarò sempre al lavoro per migliorare come scrittore.

[D]: Il veleno del sangue è stato appena pubblicato in Italia: perché i lettori italiani dovrebbero leggerlo?
[R]: Il veleno del sangue è stato appena nominato vincitore del Thriller Award 2013 (categoria hardback) a New York. E’ stato veramente uno dei grandi momenti della mia vita, e per me, era il libro perfetto per vincere quel premio. E’ un thriller intenso ed emozionante – esattamente quello che voglio ottenere, scrivendo suspense psicologica. C’è molta azione e mistero, ma in fondo, questa è una storia di redenzione e di fede, di un ex marito che deve tentare di salvare sua figlia e ri-costruire una vita con la moglie. Spero che questi personaggi vivano per molto tempo nella vostra immaginazione, dopo aver finito il libro.

[D]: C’è qualcosa nel libro si potrebbe trovare difficile da accettare?
[R]: Oh, sì, credo di sì. Anche se non sono un fan della violenza esplicita nei miei libri, non evito temi difficili. I miei eroi a volte fanno scelte sbagliate, e devo fare i conti con dolore e perdita in modi che possono essere dolorosi. Può sembrare strano per uno scrittore di thriller, ma spero che ci sia un momento in ognuno dei miei romanzi in cui il lettore stesso si ritrovi in lacrime. Tuttavia, credo anche che la risoluzione del libro porti enorme soddisfazione emotiva. Ci si dovrebbe sentire come se i personaggi fossero arrivati tutti esattamente alla giusta conclusione.

[D]: Uno dei nostri lettori ha detto che è un peccato che il tuo editore italiano non pubblichi i tuoi romanzi anche in formato e-book. Come li vedi, gli ebook? Ti piacciono?
[R]: Be’, sono sicuro che i libri saranno tutti disponibili in formato elettronico presto. Come scrittore, mi piace ancora prendere le edizioni cartacee tra le mani. Non esiste sostituto per questa esperienza. Tuttavia, gli ebook sono molto comodi. Faccio buona parte delle mie personali letture su un iPad, ora.

Gli e-book stanno chiaramente diventando una forza importante nella pubblicazione, ma c’è una differenza qualitativa tra la lettura di un e-book e la lettura di un libro fisico. A differenza della musica, non è un’esperienza identica. Ci sono pro e contro per entrambi i formati, ma non sono la stessa cosa. Di conseguenza, penso che entrambi dureranno per un po’.

[D]: Puoi dirci qualcosa del tuo prossimo romanzo, The cold nowhere?
[R]: So che molti lettori sono in trepidante attesa del ritorno di Jonathan Stride! Ci sono stati alcuni cambiamenti significativi nella vita di Stride alla fine de Il respiro del ghiaccio, quindi tutti vogliono sapere cosa succede dopo. Non voglio svelare tutti i segreti, se non per dire che tutte le vostre domande avranno una risposta.

Il libro inizia con Stride che tornando a casa a tarda notte trova al suo interno una ragazza adolescente. E’ sola, è tutta bagnata, e pensa che qualcuno stia cercando di ucciderla. E vuole l’aiuto di Stride. Lui scopre ben presto che la giovane è collegata a qualcuno nel suo passato. V’incuriosisce abbastanza? Be’, si dovrà attendere fino alla prossima estate per il resto!

[D]: Il tuo miglior suggerimento per aspiranti scrittori.
[R]: Io dico sempre agli aspiranti scrittori che il 100% dei libri non scritti non sono mai stati pubblicati. È necessario attaccare il computer, la sedia, e il fondoschiena con un po’ di colla. Basta sedersi e iniziare a scrivere. Il più grande errore dei giovani scrittori è quello di smontarsi da soli. La maggior parte degli scrittori sono essi stessi i loro peggiori nemici.

[D]: Il tuo miglior suggerimento ai lettori esigenti.
[R]: So che i lettori leggono sempre i miei libri più velocemente di quanto io possa scrivere – così mi chiedono di andare più veloce! Ahimè, scrivere buoni libri richiede tempo, e voi non volete che io corra. Io dico sempre, leggete i libri più di una volta! Potrete fare un’esperienza di lettura completamente diversa quando si leggono i libri conoscendo i segreti dei personaggi. Troverete significati del tutto nuovi.

[D]: Se hai qualcosa da dire, riguardo a qualsiasi cosa, è il tuo momento
[R]: Scrivere è un lavoro solitario. E’ difficile alzarsi ogni mattina e guardare quello schermo vuoto. Ma ricevo note meravigliose da lettori che mi ispirano. Ho avuto riscontri da soldati in servizio all’estero, da giovani a cui miei libri hanno acceso l’amore per la lettura, da persone che devono fare i conti con problemi di salute o di stato d’animo che usano i miei libri come mezzo di fuga. E’ sempre un ricordare il potere che i libri hanno di sollevarti dalla tua situazione attuale e trasportarti un posto completamente diverso. E’ un onore essere uno scrittore, e quei messaggi mi ricordano sempre perché faccio quello che faccio.

[D]: Grazie per aver accettato il nostro invito, Brian: prima di andare, vuoi dire ciao ai nostri (e tuoi) lettori?
[R]: E’ stato un piacere! Ho ricevuto messaggi da così tanti meravigliosi fan italiani. Sono stati così caldi e generosi nell’accogliere me e miei libri. Spero che molti nuovi lettori italiani potranno scrivermi (brian@bfreemanbooks.com) o venirmi a trovare su Facebook (www.facebook.com/bfreemanfans). Buona lettura!

I libri di Brian Freeman: li trovi su IBS