Jeffery Deaver Il Manoscritto di ChopinThriller Café si occupa da anni di Jeffery Deaver: è uno degli autori che hanno meritato più articoli su queste pagine elettroniche.
Ci sembra di conoscerlo molto meglio di tanti altri, eppure ogni sua nuova produzione non manca mai di stupirci, sia per quel che riguarda il testo finale, il volume che stringiamo fra le mani, sia per quel che concerne l’idea iniziale e il metodo di sviluppo.

E in occasione de Il manoscritto di Chopin ecco che proprio il “come” si sia arrivati al romanzo è altrettanto importante del testo stesso, ma prima di tutto andiamo a svelarne la trama:

Harold Middleton è un ex investigatore di crimini di guerra e ora il suo straordinario fiuto l’ha messo su una pista altrettanto difficile e misteriosa: è infatti riuscito a entrare in possesso di un manoscritto di Chopin, una partitura del grande maestro dei Notturni.
E sarebbe già una grande scoperta in sé, ma ci sono ben altri segreti che si nascondo fra le note…

Il manoscritto nasconderebbe infatti nozioni che potrebbero mettere in pericolo milioni di vite, nozioni che presto trascinano Middleton in un frenetico viaggio fra Polonia e USA, un viaggio che lo vedrà accusato di omicidio e quindi costretto a fuggire sia dai federali che da un fantomatico quanto micidiale killer.

Ma tutte queste minacce, accumulate, non reggono comunque il confronto con Faust, un uomo che Middleton ha già incontrato e che ora ritorna, con propositi ancora più mortali…

E fin qui tutto bene, Il manoscritto di Chopin sarebbe un romanzo molto interessante anche se non avesse il metodo di scrittura che ha, anche se fosse “solo” l’ennesima ottima opera di un professionista come Jeffery Deaver che conosce ben pochi pari nel panorama contemporaneo.

Ma a Deaver evidentemente non bastava scrivere un buon romanzo di genere, ha voluto “complicarsi” le cose giungendo a ben altro risultato.
Ne Il manoscritto di Chopin lo scrittore statunitense si è infatti limitato a concepire alcuni dei personaggi e caratterizzare l’ambientazione, scrivendo quindi i capitoli iniziali, per poi lasciare lo sviluppo nelle capaci mani di altri quattordici autori.

Esatto, avete letto bene, siamo di fronte a un romanzo scritto a trenta mani e che mani, eccovi l’elenco completo degli scrittori coinvolti: Lee Child, David Corbett, Joseph Finder, Jim Fusilli, John Gilstrap, James Grady, David Hewson, John Ramsey Miller, P.J. Parrish, Ralph Pezzullo, S.J. Rozan, Lisa Scottoline, Peter Spiegelman ed Erica Spindler.

Basterebbe anche solo il nome di Lee Child per farci salivare in attesa della lettura, se teniamo conto di tutti gli altri autori ecco che Il manoscritto di Chopin diventa un appuntamento fin troppo importante nel già ottimo panorama thriller del 2015.
Il romanzo è pubblicato da Rizzoli nella sua BUR per la traduzione di I. Annoni.

Il manoscritto di Chopin – Jeffery Deaver

Il manoscritto di Chopin – Jeffery Deaver:
Scopri il miglior prezzo online su Amazon
con Prime spedizione gratis in 1 giorno