Fa troppo freddo per morire - Christian FrascellaFa troppo freddo per morire: il romanzo di Christian Frascella edito da Einaudi è l’oggetto della nostra recensione di oggi.

Se è vero che perdere è una questione di metodo, l’investigatore privato Contrera è un campione olimpionico della disciplina. La sua vita è una collezione di fallimenti: ex-poliziotto, espulso per spaccio di cocaina, ex-marito di una moglie che lo detesta e padre di una figlia adolescente che lo disprezza, vive in casa della sorella e fatica a sbarcare il lunario. Per ufficio ha un angolo in una lavanderia a gettoni in Barriera di Milano, un quartiere periferico di Torino multietnico e difficile. L’unico pezzo di arredamento è un frigobar per le birre (rigorosamente Corona) ed è in questo scenario improbabile che riceve i suoi clienti, sgangherati almeno quanto lui.

Quando Mohammed, il marocchino padrone del locale, gli chiede di aiutare Driss Bouda, figlio di un amico che si è indebitato con degli albanesi per delle scommesse, Contrera non può tirarsi indietro e inizia così a investigare nel sottobosco malavitoso di Barriera, tra bar malfamati, locali notturni e sale da gioco. In una Torino gelida e grigia come la canna di una pistola, il detective si troverà ad assistere a un omicidio inspiegabile e a rischiare la sua stessa vita per scoprire la verità. Contro di lui, non solo la delinquenza albanese, ma anche la ‘ndrangheta e la stessa polizia, con l’arrogante Vice Questore Falco che fa di tutto per trasformargli la vita in un inferno. Sbagliando, cadendo e rialzandosi, Contrera affronterà i propri fantasmi e i propri errori, riuscendo anche a innamorarsi.

A bordo della sulla Panda Young esplorerete le strade di Barriera, dove le luci scintillanti e gli edifici eleganti del centro sembrano lontani anni luce, rimpiazzati da “muri spazzolati di smog e balconi arrugginiti”, che accolsero un tempo gli operai della FIAT e oggi immigrati di ogni etnia e provenienza, in un crogiolo di culture che si confrontano e di mondi distanti che si intrecciano.

In Italia c’è ormai una grande abbondanza di detective: le strade letterarie di Torino, così come quelle di molte altre città italiane, sono praticamente invase da un esercito di investigatori con gli abiti stazzonati, la sigaretta in bocca e un passato tormentato alle spalle, altrettante declinazioni regionali dell’archetipo immortale creato da Raymond Chandler con il suo Philip Marlowe. C’era quindi bisogno di un altro investigatore privato? Ebbene, nel caso dell’anti-eroe creato da Christian Frascella la risposta è un vigoroso sì. Contrera buca la pagina, suscitando un’immediata simpatia nel lettore. Paradossalmente, il suo punto di maggiore forza è proprio la sua imperfezione. “Da qualche parte, in un punto imprecisato che non riesco mai a individuare, devo aver perso la mia innocenza. Sono cominciati i mezzucci e i sotterfugi, le menzogne e i tradimenti, la fame di soldi e quella di un’altra vita. Poi tutto è andato a precipizio, e mi sono ritrovato con un pugno di mosche in mano. Posso solo dire che questa discesa ha avuto un unico teatro: Barriera”.

Sotto le sue cicatrici e pose si nasconde un’umanità sincera e intelligente. Nell’arco di poche pagine, questo personaggio saprà farvi ridere e commuovere, mescolando, come accade nella vita reale, la tragedia alla commedia. Intorno al protagonista si muove una schiera di comprimari, caratterizzati con tratti decisi e convincenti: le loro storie incrociano quella di Contrera, dando vita a una trama articolata e avvincente.

Con “Fa troppo freddo per morire” Christian Frascella esordisce nel mondo del romanzo poliziesco: in esso, l’autore è riuscito a trasportare l’ironia e la vena esilarante che hanno contraddistinto le sue opere precedenti (ricordiamo, ad esempio, Mia sorella è una foca monaca, edito da Fazi nel 2009), adattandole con successo all’impianto duro e drammatico del noir, regalandoci una lettura di alta tensione e di qualità. Il romanzo si preannuncia come seriale e la seconda parte delle (dis)avventure di Contrera sarà pubblicato nell’aprile 2019 da Einaudi con il titolo “Il delitto ha le gambe corte”.

Recensione di Gian Mario Mollar

Migliore Offerta
Fa troppo freddo per morire. La prima indagine di Contrera
15 Recensioni