- Vota! -

12345
Loading...Loading...

Bloody Mary Award 2009: i voti di De Marco, Lotti

| 13 gennaio 2010 | 2 deposizioni
Archiviato in Grandi premi letterari | Etichettato con , ,

Eccoci giunti al decimo e penultimo appuntamento con il Bloody Mary Award 2009, il premio che ThrillerCafe assegna al miglior romanzo di genere giallo/thriller/noir in base ai voti di una giuria di esperti: scrittori, editor, giornalisti e webmaster.
Pubblichiamo le nomination espresse da:
– Romano De Marco (a destra)
– Fabio Lotti (a sinistra)

Romano De Marco è autore di Ferro e Fuoco, edito nel 2009 da Il Giallo Mondadori. L’uscita del suo nuovo romanzo, Codice di ferro, è prevista nel 2010.
Ha votato per:

1. Hellgate, di Alan D. Altieri, TEA (E’ stato definito, a ragione, il “Poeta dell’apocalisse”. In questa raccolta di racconti incentrati sul personaggio di Andrea Calarno, Altieri annulla ancora una volta le barriere tra nartrativa e letteratura, raffigurando la violenza metropolitana come metafora della condizione umana. Apocalittico ed imperdibile)
2. Pietrafredda di Stefano Di Marino, Perdisa (Condensare, o meglio, celebrare in 110 pagine le suggestioni, le atmosfere, la forza dirompente di un universo narrativo costituito da migliaia e migliaia di pagine dense di avventure, miti, epiche saghe, prodotte in decenni di intensa attività letteraria, non è una cosa facile. Nel campo del fumetto c’è riuscita gente del livello di Alan Moore e Neil Gaiman. Stefano Di Marino lo ha fatto nel campo della narrativa con un romanzo duro, asciutto, più che mai convincente. Definitivo e micidiale)
3. Strane cose, domani di Raul Montanari, Baldini Castoldi Dalai (Noir o post-noir? Thriller psicologico o alta letteratura? Ai posteri l’ardua sentenza, io so solo che Raul Montanari non sbaglia un colpo e ci regala un’altra perla capace di incantare in maniera trasversale qualsiasi tipologia di lettore. Appassionante e profondo).

Fabio Lotti è un grande esperto del genere giallo: tiene rubriche su diverse riviste online, tra cui Sherlock Magazine, e ha curato la raccolta GialloScacchi.
Ha votato per:

1. City Hall, di Robert Rotenberg, Giano.
2. Vish Puri e il caso della domestica scomparsa, di Tarquin Hall, Mondadori.
3. La rosa e il serpente, di Ariana Franklin, Piemme.

L’appuntamento con i prossimi voti è a domani: volete essere sicuri di non perderveli? Iscrivetevi gratuitamente alla nostra newsletter!

Articolo protocollato da Giuseppe Pastore

Da sempre lettore accanito, Giuseppe Pastore si diletta anche a scrivere e ha pubblicato alcuni racconti su antologie e riviste e ottenuto vittorie e piazzamenti in numerosi concorsi letterari. E' autore (assieme a S. Valbonesi) del saggio "In due si uccide meglio", dedicato ai serial killer in coppia. Dal 2008 gestisce il ThrillerCafé, con la poco recondita ambizione di farlo diventare il locale virtuale dedicato al thriller più noto del web.

Giuseppe Pastore ha scritto 1454 articoli:

2 deposizioni a “Bloody Mary Award 2009: i voti di De Marco, Lotti”

  1. Il 13 gennaio 2010 Fabio Lotti ha dichiarato (senza subire minacce): · Rispondi

    Aggiungo solo, altrimenti il mio editore mi randella, di avere scritto tre gialli “Partita a scacchi con il morto”, “Chi ha ucciso il campione del mondo? Scacchi e crimine” e “La diabolica setta di Caissa- Scacchi e sesso” pubblicati dalla Prisma di Roma. La parte relativa agli scacchi è stata scritta da Mario Leoncini, vicepresidente della Federazione Scacchistica Italiana.
    Fabio

  2. Il 14 gennaio 2010 kick ha dichiarato (senza subire minacce): · Rispondi

    Grazie per le precisazioni, Fabio, non ne ero a conoscenza (complimenti!)

    Ciao,
    Giuseppe

lascia la tua deposizione